Sparò e uccise ladro per difendersi: assolto Mario Cattaneo grazie alla legge di Salvini

Loading...

Mario Cattaneo, l’oste che nel marzo del 2017 sparò a un ladro per difenderci – uccidendolo – è stato assolto in primo grado dall’accusa di eccesso colposo di legittima difesa.

Il pubblico ministero aveva richiesto una condanna a tre anni di detenzione: “Cattaneo ha agito in legittima difesa, ma ha ecceduto nei limiti. È stato lui a mettersi in una situazione di pericolo sfondando la porta bloccata dai ladri”, le parole del pm nell’aula del palazzo di Giustizia.

Dunque la palla è passata ai legali dell’imputato e quindi si è arrivati alla sentenza del giudice, che ha scagionato l’uomo. Dopo anni di odissea giudiziaria all’italiana

Il ristoratore colpì mortalmente il 32enne Petre Ungureanu durante un colluttazione all’interno del ristorante. Tutto risale al 10 marzo 2017, quando alle prime luci del mattino sentì dei rumori preoccupanti provenire dal proprio esercizio commerciale.

In fretta e furia, si armò di coraggio e di un fucile e scese dall’abitazione all’osteria, dove si imbatté in quattro persone, quattro uomini e quattro ladri, che erano lì per rubare l’incasso e stecche e pacchetti di sigarette.

Uno della banda decise di affrontare Cattaneo, che non si tirò indietro: ne scaturì una rissa e nell’agitazione dello scontro corpo a corpo, il fucile da caccia di Cattaneo esplose un colpo che ferì a morte il romeno. L’oste, in seguito, mostrò a media e inquirenti i segni – lividi ed ecchimosi – dovuti alla collutazione con la vittima.

Gli altri tre complici provarono a trascinare via per qualche metro il loro sodale, ma, appena capirono che per lui non c’era più nulla da fare, decisero di abbandonarlo e di scappare, lasciandolo morire.

Loading...

Cattaneo finì sotto torchio: prima venne accusato di omicidio volontario – a seguire fu scagionato – e, appunto, di eccesso colposo di legittima difesa. Ora, finalmente, l’assoluzione da ogni accusa.

Prima delle sentenza, e a seguito delle richiesta del pmera arrivato il duro commento di Matteo Salvini, che temeva che Cattaneo potesse venir condannato per essersi difeso dall’assalto: “Siamo alla follia, tre anni di galera per un ristoratore che ha difeso la sua famiglia dall’assalto dei rapinatori. La difesa è sempre legittima #iostoconmario”. All’udienza tenutasi presso il tribunale di Lodi ha preso parte anche Riccardo De Corato, assessore in regione Lombardia a Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Riccardo De Corato, che ha voluto ricordare come la Lombardia sia l’unica regione d’Italia che rimborsa le spese legali alle vittime.

“L’assoluzione con formula piena del ristoratore lodigiano Mario Cattaneo è una vittoria della giustizia – che ratifica il sacrosanto principio per cui chi in casa propria difende la sua vita e la sua famiglia non può essere colpevole di nulla – ma anche una vittoria della Lega, che è sempre stata al fianco di Mario Cattaneo, e si è battuta in Parlamento per modificare il passaggio sull’eccesso di difesa”, dichiara Paolo Grimoldi, deputato del Carroccio. L’esponente leghista, infine, ha aggiunto: “Grazie anche alla Regione Lombardia che ha sostenuto Cattaneo con l’apposito fondo sancito dalla normativa regionale per il rimborso delle spese legali previste nei confronti dei soggetti accusati di aver commesso un delitto per eccesso colposo in legittima difesa. Ma questa assoluzione rappresenta una vittoria per tutti i cittadini onesti come Cattaneo e un precedente giurisprudenziale che varrà nei casi analoghi”.

Fonte: IlGiornale

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.