Giuseppe Conte, retroscena e contrordine: “Mentre tutti pensavano a Salvini e Renzi…”. Il 20 settembre: così il premier si è blindato

Loading...

Nel silenzio generale, Giuseppe Conte ha tentato la mossa estrema per salvarsi. “Mentre l’attenzione era concentrata su Renzi e Salvini – scrive Francesco Verderami nel suo retroscena sul Corriere della Sera -, ieri Conte si è mosso per garantirsi ancora qualche mese di sopravvivenza”. Il clima è quello della trincea, di un forse scaramantico “a ottobre cado” che il premier andrebbe ripetendo spesso ai suoi collaboratori. Ma siccome sulla poltrona di Palazzo Chigi si è trovato sorprendentemente bene l’avvocato foggiano vorrebbe fermarsi a Roma ancora un po’.

Loading...

Per questo la data indicata per le Regionali, le Amministrative e il referendum sul taglio dei parlamentari, il 20 settembre, “sgombra definitivamente il campo dall’ipotesi che – in caso di crisi di governo – ci possano essere elezioni anticipate. Non male, visto che in Parlamento gli incastri sono comunque complicati e trovare un’alternativa a questa maggioranza sarà un bel rompicapo. Ma soprattutto, sottolinea Verderami, “la decisione di Conte ha un obiettivo politico: mira a congelare le manovre del partito trasversale che punta a sostituirlo”. La tempistica lo aiuta, visto che oltre all’election day ci sarà la coda dei ballottaggi (4 ottobre) e subito dopo il Parlamento si ritroverà in piena sessione di bilancio, rendendo di fatto impossibile una sfiducia. 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.