Lo scivolone di Filippo Rossi: celebra Silvia Romano ma posta la foto della pornostar Mia Khalifa

Loading...

Roma, 12 mag – Meno male che esistono Filippo Rossi e la sua «buona destra» a prenderci per mano e accompagnarci per i corridoi della ragionevolezza. Lo ha fatto anche stavolta, commentando la vicenda di Silvia Romano e affrettandosi a illuminare i beceri cervelli obnubilati dal «sovranismo esasperato» che mostrano «tanta insensibilità nei confronti di una vicenda umana drammatica come è quella della giovane».

E così ha scritto un lungo post su Facebook, nel quale si è prodigato a spiegare il – reale, per carità – dramma umano vissuto dalla Romano, cercando di mettersi nei suoi panni e di ricostruire un ipotetico iter psicologico che avrebbe portato la

giovane a convertirsi all’Islam. Rossi parla di sindrome di Stoccolma, di una mente provata dalla prigionia, di manipolazione psicologica degli aguzzini. E poi invita tutti «a capire cosa può voler dire essere in balìa di criminali per 18 mesi ovvero 75 settimane ovvero 530 giorni, proviamoci!».

Loading...

Peccato che al tono soft e pieno di empatia Rossi abbia associato, anziché la foto della cooperante appena scesa dall’aereo, una immagine della famosissimo pornostar Mia Khalifa, immortalata mentre indossa un velo islamico verde acqua, molto simile a quello portato dalla Romano. Fotografia che oltre tutto è un meme, perché reca la scritta – in caratteri Impact tipica dei meme più «populisti» – «bentornata a casa» corredata di cuoricino. Quindi Rossi, oltre ad essere scivolato sul volto del personaggio, è caduto penosamente anche sulla questione satirica della vicenda.

Il post ha ovviamente scatenato i commenti dei suoi follower che lo hanno gustosamente preso in giro, finché Rossi, resosi conto della gaffe, ha «fatto il vago» e rimosso la fotografia. troppo tardi, ovviamente, perché un esercito di buontemponi aveva già eseguito lo screenshot dell’infelice uscita del patron di Caffeina, diffondendolo ovunque.

Cristina Gauri

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.