“Ylenia Carrisi è viva”. L’incredibile indiscrezione al vaglio di Al Bano e Romina Power

In Italia, ma anche nel mondo intero, le persone conoscono il cantante italiano Al Bano Carrisi. Quest’anno l’artista è balzato agli onori della cronaca per essere stato escluso dal Festival di Sanremo 2022, circostanza che lo ha fatto rimanere davvero molto male, ma che comunque ha accettato rispettando la decisione della direzione artistica. Nonostante la sua esclusione da Sanremo il cantante continua ad appassionare milioni di italiani. 

Tra l’altro proprio negli scorsi mesi l’artista ha attraversato un periodo certamente non facile dopo aver scoperto alcuni furti nei suoi vigneti. Infatti alcuni malviventi hanno portato via circa 200 pali in ottone. Come si sa c’è un dolore che la famiglia Carrisi non riesce a superare del tutto, ed è quello per la scomparsa della figlia Ylenia, sparita misteriosamente il 6 gennaio 1994. Da quel momento la famiglia non ha mai smesso di cercarla, ma ci sarebbero novità sul suo conto.

Ylenia è viva

Secondo quanto si apprende dalla stampa internazionale il magazine tedesco Neue Blatt avrebbe interpellato due veggenti che conoscerebbero alcune verità proprio su Ylenia Carrisi. Come si ricorderà la Carrisi in quel periodo si trovava a New Orlenas, negli USA, per un suo desiderio di recarsi nel Paese di dove la madre è natia. 

Da qui avrebbe intrattenuto regolari rapporti con la famiglia, l’ultima volta fu sentita nel Capodanno del 1994, poi più nulla. Il 6 gennaio 1994 di Ylenia si persero le tracce ma la famiglia non ha mai creduto che fosse deceduta, ma che sarebbe ancora viva in qualche parte del mondo. E i due veggenti, Marie e Lilo von Kiesenwetterlo, hanno spiegato quando segue.

Secondo loro la Carrisi si troverebbe a Berlino, dove condurrebbe una vita anonima, e in America avrebbe anche avuto dei problemi con la droga. Attualmente Ylenia sarebbe anche diventata mamma. Una questione, quella sollevata dai due veggenti, che viene adesso attentamente vagliata dalla famiglia Carrisi. 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.