Torino, decine di immigrati si pestano in strada per una bicicletta (Video)

Loading...

Torino, 4 mag – Il 3 maggio chi ha più voglia di aspettare il giorno dopo, data ufficiale di inizio fase 2, per uscire di casa? Di sicuro non le decine di immigrati dei quartieri Aurora e Barriera di Milano, che ieri si sono riversate in strada dopo l’esplosione di una rissa avvenuta tra corso Novara e corso Giulio Cesare. Oggetto del contendere, il furto di una bicicletta che ha provocato lo scoppio di una violenta zuffa tra un gruppo di marocchini e uno di senegalesi, che si sono rincorsi per le vie della zona pestandosi con vari oggetti contundenti e arrivando a scagliarsi addosso dei bidoni dell’immondizia

Loading...

Le urla degli immigrati hanno attirato in strada altri stranieri che osservavano la scena dalle finestre delle proprie abitazioni, contribuendo così all’ingigantirsi del tafferuglio. Dopo l’intervento degli agenti, che stanno tutt’ora indagando sull’accaduto, una dozzina di persone sono state fermate e portate in questura per gli accertamenti del caso. Per tutti scatterà una denuncia, alcuni rischiano l’arresto. 

«Siamo ancora in Fase 1 e si è scatenata una rissa in corso Giulio Cesare all’altezza di via Bra con prolungamento verso Corso Novara per non ben precisati motivi – denuncia Luca Deri, presidente di Settima Circoscrizione – Sono intervenute una decina di volanti della Polizia di Stato. Ma è inqualificabile che in Aurora possano succedere queste situazioni. Ed è la terza volta che succede negli ultimi 15 giorni. Chiediamo dei presidi fissi delle Forze dell’Ordine nei punti nevralgici del Quartiere», è la sua conclusione. Gli fa eco la capogruppo di Fratelli d’Italia in Circoscrizione 7 Patrizia Alessi, che dichiara: «Inaccettabile che anche oggi in Corso Giulio Cesare, nel solito tratto, sia successo tutto ciò: questo è il risultato di troppi anni di lassismo e di non avere avuto la volontà politica di dire basta».

Cristina Gauri

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.