L’idea della Meloni: «Mandiamo gli anziani in vacanza dove non c’è il virus»


I bambini, certo, trascurati, dimenticati dal governo. Ma anche gli anziani, costretti in casa e non protetti neanche dai propri “congiunti”. Che fare? Dall’opposizione arriva una proposta, a firma Giorgia Meloni.

L’appello per gli anziani

“Penso che sicuramente gli anziani vadano maggiormente difesi, cercando dei modi però per non farli sentire agli
arresti domiciliari. Ci sono delle soluzioni. Se, per esempio, si prendessero intere zone turistiche rendendole libere dal virus e si desse la possibilità a quegli anziani di trasferirsi in quelle località per andare al mare, potrebbe essere un’idea”. La leader di Fdi, in collegamento con ‘Mattino Cinque‘, ha criticato le misure confuse del governo sulla Fase 2, invitando Conte a chiarire i contenuti delle misure di prevenzione e ad accelerare sul fronte degli aiuti economici “fantasma” agli italiani.

Meloni: riprendere l’assistenza sanitaria ordinaria

La Meloni ieri aveva lanciato anche un appello a ripristinare le normali procedure di assistenza sanitaria. “L’emergenza Coronavirus ha comportato la sospensione dell’assistenza sanitaria ordinaria: è arrivato il momento di dare risposte certe a tutti gli italiani che hanno bisogno di essere curati per patologie diverse dal Covid-19 e che in queste settimane hanno dovuto aspettare. Pensiamo ad esempio a tutte quelle prestazioni, come esami e visite specialistiche, ma anche operazioni chirurgiche, che sono state rinviate per far fronte all’emergenza. Ma è una situazione che non può protrarsi all’infinito perché rischia di compromettere la salute di tanti cittadini”.

Fratelli d’Italia chiede così al Governo di affrontare al più presto questo problema concreto per permettere, valutando ovviamente insieme alle Regioni le diverse situazioni sul territorio, di far ripartire pienamente il sistema sanitario nazionale dove è possibile farlo in piena sicurezza.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.