25 aprile. Meloni: tesserati Anpi liberi di andare in piazza, la quarantena vale solo per noi? (video)

Loading...

Sale la polemica per quanto avvenuto oggi a Roma e in altre città d’Italia – Bologna e Milano – con decine e decine di persone che in barba ai divieti si sono radunate in strada. Per cantare Bella Ciao e festeggiare in modo sguaiato la ricorrenza del 25 aprile.

A Roma e a Milano addirittura ci sono stati dei mini cortei e un assembramento al Pigneto con striscioni e bandiere e ancora canti di Bella Ciao. Stesse scene a Bologna al Pratello. A Milano un corteo degli antagonisti è stato bloccato dalla polizia. E proprio le immagini dell’assembramento bolognese sono state postate e commentate su Fb da Giorgia Meloni che ha lanciato un interrogativo retorico: la quarantena vale solo per alcuni italiani?

La quarantena vale solo per alcuni italiani?

“Guardo le immagini delle manifestazioni organizzate oggi dai tesserati dell’Anpi, dalla sinistra e dai centri sociali e comprendo l’incredulità e lo sdegno dei tantissimi italiani che mi stanno scrivendo – dice la leader di FdI-  In queste settimane di emergenza coronavirus abbiamo dovuto rinunciare a tutto”.

Loading...

“Non abbiamo potuto festeggiare la Pasqua nelle nostre chiese – continua Meloni –  non possiamo andare a messa e abbiamo visto addirittura interrompere le messe, sgomberare i fedeli e multare i sacerdoti. Abbiamo visto gli elicotteri volteggiare su delle famiglie che pranzavano a Pasqua e alcuni italiani rincorsi dalle Forze dell’Ordine perché passeggiavano da soli sulla spiaggia. Immagini che mai avremmo immaginato di vedere in Italia. Ci hanno detto che era necessario per fermare la pandemia: è stato doloroso ma gli italiani lo hanno accettato”.

Il Viminale ha dato il via libera all’Anpi

“Poi – prosegue –  è arrivata la circolare del Ministero dell’Interno che ha consentito ai tesserati dell’Anpi di partecipare alle celebrazioni per il 25 aprile e oggi abbiamo visto le immagini di cortei, assembramenti e manifestazioni varie. E allora non capisco più e non capisco perché una madre che non ha potuto celebrare il funerale di suo figlio dovrebbe accettare, ora, di rischiare che quel sacrificio sia vano perché qualcuno non ha rispetto di quel sacrificio”. 

“Voglio dire ai tesserati dell’Anpi – conclude –  alla sinistra e ai centri sociali che se davvero difendono la libertà devono ricordarsi che l’altro presupposto della libertà è l’uguaglianza. La libertà ha un senso soltanto se la hanno tutti. Celebrare una libertà che hai solo tu mentre a tutti gli altri viene negata è qualcosa che mi sfugge. P.S. E poi dicono che “bella ciao” è la canzone di tutti”. 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.