Barcellona, in cinque violentano una 14enne. Tribunale: “Non è stupro”

Loading...

Non si è trattato di uno stupro. Un tribunale di Barcellona ha ridimensionato la pena per cinque uomini che nel 2016 violentarono a turno una ragazza di 14 anni.

Secondo quanto riportato da El Pais, per il giudice non può parlare di stupro ma di abuso sessuale. È questa, adesso, l’accusa molto più leggera che pende sulla testa di due spagnoli, due cubani e un argentino, che tre anni fa abusarono di un’adolescente. La vittima stava partecipando a una festa in una fabbrica abbandonata, quando seguì un ragazzo in un edificio limitrofo, dove trovò ad attenderla cinque uomini che la violentarono a turno.

Loading...

Una norma paradossale
La motivazione che ha spinto le autorità giudiziarie a decidere ciò è paradossale. La ragazza, sotto effetto di droghe e alcol al momento dell’atto sessuale, non sapeva costa stesse facendo, quindi non aveva alcuna capacità di poter accettare o meno i rapporti sessuali con la maggior parte degli imputati coinvolti nel processo.

La legge spagnola, infatti, considera lo stupro solo laddove l’atto sessuale sia accompagnato dall’uso della forza o delle minacce. In questo caso la 14enne era in stato di incoscienza, quindi, anche se avesse voluto farlo, non ha imposto alcuna resistenza. Al momento è in corso una revisione della norma citata, ma intanto i cinque uomini di questa vicenda hanno potuto beneficiare di un notevole sconto di pena, passando dai 15-20 anni che avrebbero potuto prendere per violenza sessuale ai 10-12 per abuso.

Grandi proteste si sono alzate dai gruppi per i diritti delle donne, scesi in piazza a protestare. Anche la sindaca di Barcellona, Ada Colau, ha criticato la sentenza parlando di “condanna oltraggiosa”.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.