Milano cancella le foibe Proteste, il Comune tace

Loading...

Nastro adesivo sul nome di Norma Cossetto e bocche cucite. Il giorno dopo, il Comune non dice nulla.

Nonostante le proteste e le reazioni, Palazzo Marino continua a non dare spiegazioni ufficiali sull’incredibile cancellazione della cerimonia inaugurale del giardino dedicato alla giovane italiana martire delle foibe.

In via Einstein, giovedì, è stato solo inaugurato solo lo studentato del Politecnico, non il parchetto antistante, che avrebbe dovuto essere intitolato alla giovane istriana torturata e uccisa dai partigiani titini. Alla vigilia, dopo qualche misterioso traccheggiamento, è arrivato uno strano stop. Cosa sia successo non è chiarissimo, di sicuro si sa solo che al Municipio è stata inoltrata una mail dell’Università: «Abbiamo provveduto – si legge – a coprire la targa del giardino di via Einstein, come indicatoci dal Comune».

Loading...

Probabilmente il pretesto è un problema burocratico ravvisato da un non meglio precisato assessorato, che ha chiesto all’università di fermare l’intitolazione. Quindi il Politecnico ha informato il presidente di Zona, Paolo Bassi, che dopo lo sconcerto iniziale continua ad attendere spiegazioni, su tutti «problemi», sorti ancora una volta al momento di ricordare la tragedia delle foibe e dell’esodo degli italiani istriani, giuliani e dalmati, vittime di una vera e propria pulizia etnica operata sul fronte orientale dai partigiani comunisti di Tito dopo la Seconda guerra mondiale. Problemi burocratici relativi all’iter, dunque, ma il percorso è stato costantemente comunicato al Comune è lo stesso che è stato seguito anche in altri casi. «Succedono cose strane a Milano quando si parla di memoria dei martiri delle foibe – commenta Bassi – ma confido che si tratti solo di un disguido burocratico e alla fine la nostra città possa avere il giardino realizzato di fronte a una residenza universitaria intitolato a una studentessa violentata e uccisa prima di poter coronare il suo sogno di laurearsi». Durissimo il commento della presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni: «Scandaloso smacco alla memoria di Norma Cossetto – ha detto – A Milano era tutto pronto per l’intitolazione di un parco alla giovane studentessa imprigionata, seviziata e uccisa dai partigiani titini, ma il Comune fa coprire la targa col nastro adesivo prima della cerimonia. Fratelli d’Italia andrà fino in fondo a questo scempio: il Comune e la sinistra si vergognano forse di ricordare i martiri delle foibe?». E Fdi Milano fa sul serio: «Il Municipio sospenda i lavori, protesti, si barrichi – dice Riccardo Truppo – finché il sindaco in persona non venga a togliere la benda a Norma, per portare le scuse ufficiali del Comune». «La sinistra di Milano – conclude – non partecipa mai alle commemorazioni del 10 febbraio del Giorno del ricordo e questa è la dimostrazione della considerazione che hanno per una parte della storia d’Italia».

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.