Il nuovo elenco di malattie riconosciute dall’Oms

Negli scorsi giorni a Ginevra, l’Organizzazione Mondiale della Salute (Oms), ha stilato un nuovo elenco di malattie invalidanti riconosciute.

Durante l’Assemblea di approvazione, gli Stati Membri hanno introdotto nuove patologie come la dipendenza dai giochi e il burnout, sindrome da stress correlato al lavoro. Il nuovo testo completo sulle malattie invalidanti e riconosciute sarà in vigore solo dal primo gennaio 2022. Conterrà definizioni e codici per oltre 55 mila malattie e condizioni patologiche. Verrà usato per uniformare diagnosi e classificazioni in tutto il mondo.

Già da diversi mesi, era stata annunciata l’introduzione ufficiale della dipendenza da videogiochi nell’elenco delle malattie dell’Organizzazione mondiale della Sanità. Il gaming disorder, o dipendenza dal gioco. è stato definito come “una serie di comportamenti persistenti o ricorrenti legati al gioco, sia online che offline”. Si manifesta con un mancato controllo sul gioco. Chi ne è affetto tende a considerare il gioco una priorità nella propria vita. Giocare da evento ludico diventa una vera e propria ossessione. Questo atteggiamento patologico influenza le attività quotidiane egli interessi della vita di chi ne è affetto. Numerose sono le conseguenze negative dal punto di vista della vita sociale e sentimentale ma anche e soprattutto di natura economica. Si rischia la bancarotta e l’isolamento sociale.

Per essere considerato patologico il comportamento deve essere reiterato per 12 mesi Il riconoscimento è previsto anche se la durata è minore. Tutti i requisiti diagnostici devono essere rispettati e i sintomi ritenuti gravi. Tra le altre novità introdotte nel manuale delle nuove malattie riconosciute dall’Oms vi è anche l’introduzione di un capitolo sulla medicina tradizionale e la riorganizzazione delle malattie sessuali. Fino ad ora quest’ultime erano divise in varie parti del manuale, sotto un unico capitolo.

il giornale.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.