Insegnante si sente male in classe e muore all’ospedale. Era incinta

loading...

Un’insegnante di 41 anni, Laura Forni, incinta al sesto mese di gravidanza, si è sentita male in classe, davanti ai suoi alunni della scuola media Kennedy in via Porro 16 ad Albavilla, comune in provincia di Como.

Era appena entrata in aula quando improvvisamente si è accasciata su un banco. Aveva solo fatto in tempo ad avvertire i ragazzi di avere un malore. Dopo poco è caduta al suolo, davanti agli occhi spaventati degli alunni, che però non si sono fatti prenedere dal panico e sono corsi ad avvertire i bidelli.

La tragedia è avvenuta alla prima ora di ieri mattina, lunedì 13 maggio, durante una sostituzione nell’istitito comprensivo. La donna, residente a Tavernerio, è stata immediatamente soccorsa dal personale del 118, chiamato dai dipendenti scolastici. Le condizioni della Forni sono apparse da subito gravissime e infatti è risultata inutile la corsa in codice rosso all’ospedale di Valduce. L’insegnante è morta appena giunta al Pronto soccorso. La docente era incinta di sei mesi ed era già madre di un bambino piccolo. Lascia anche un marito. I camici bianchi hanno fatto il possibile per salvare almeno la vita che portava in grembo, ma non c’è stato nulla da fare. E’ deceduto anche il piccolo.

loading...

Nei prossimi giorni verrà probabilmente effettuata l’autopsia per cercare di capire cosa abbia provocato la morte di madre e figlio. Solo dopo si potrà svolgere i funerale. Due comuni sconvolti, sia quello dove la 41enne viveva, Tavernerio, sia quello in cui insegnava, Albavilla. Il sindaco, Giuliana Castelnuvo, ha così commentato la tragica notizia “Personalmente non la conoscevo, mi hanno chiamata le colleghe della scuola. Una notizia raggelante e che ti lascia senza parole. Esprimo le più sentite condoglianze di tutta la comunità di Albavilla alla famiglia e alle colleghe di Laura in questo momento di infinito dolore”.


il giornale.it

loading...


loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.