Strage in mare, i giudici di Palermo assolvono 7 scafisti accusati di omicidio plurimo: “Non ci sono prove”

La Corte d’assise di Palermo ha assolto 7 migranti accusati i favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e omicidio plurimo in merito al naufragio dell’agosto del 2015 in cui persero la vita almeno 56 persone.

I superstiti vennero salvati dalla nave svedese Poseidon e portati a Palermo. Dopo gli sbarchi i sette imputati vennero arrestati perché ritenuti gli scafistidell’imbarcazione naufragata e responsabili della morte dei profughi, costretti a fare la traversata del Canale di Sicilia stipati e quindi in condizioni di pericolo.

I pm Annamaria Picozza e Geri Ferrara avevano chiesto l’ergastolo per i sette imputati. Gli assolti sono: Iissa Okrema Ahmad, siriano, 26 anni; Buchalla Zied, libico, 29 anni; Hasan Chibab, marocchino, 41 anni; Mohamed Alif, marocchino, 24 anni; Badr Kachouch marocchino, 31 anni. Sami Naser (26 anni, siriano) e Alradi Isam (marocchino, 29 anni).

Per i giudici, che hanno ordinato la scarcerazione dei migranti sotto processo, mancherebbe la prova che questi fossero alla guida della barca naufragata. I testimoni superstiti che li accusarono non sarebbe totalmente attendibili. Gli imputati erano accusati anche di aver sottoposto i profughi a “un trattamento inumano e degradante, avendole reiteratamente percosse e minacciate anche con l’uso di coltelli e bastoni, costringendoli a rimanere seduti ed immobili durante la navigazione e stipandoli almeno in 100 all’interno della stiva, dalla quale impedivano l’uscita”

Leggi la notizia su Giornale Di Sicilia

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.