Sindaci PD, ‘primaristi’ PD, giornaloni, Saviano: chi può credere al vostro sdegno o pianto sui migranti, voi che avete massacrato milioni di italiani riducendoli in miseria

Loading...

Da un po’ di giorni a questa parte subito dopo che è finita la saga delle sceneggiate dell’opposizione in Parlamento sulla Legge di Bilancio è cominciata una nuova saga.

Quella dei sindaci PD, con il megafono dei giornaloni e di qualche cane sciolto, fintamente 5 Stelle, che li aiutano con il fuoco amico, che si stracciano le vesti perché il DL Sicurezza non garantisce i migranti.

A nessuno di questi importa dei migranti.

Come possono essere credibili le loro grida allo scandalo o le loro lacrime ‘buoniste’, quando proprio loro sono stati protagonisti come attori, come comparse, come sostenitori, della carneficina sociale fatta con la disoccupazione giovanile diffusa, con il precariato legalizzato, con gli aventi diritto alla pensione lasciati senza pensione e senza lavoro, tutti a ingrossare le file alle mense della Caritas in giro per l’Italia?

Ma davvero pensate che ci sia gente che si lasci commuovere dalla vostra finta commozione, falsa e ipocrita?

Occorre scrivere una parola chiara su questa commedia che scimmiotta, senza riuscirvi, Pirandello.

A voi di migranti non interessa nulla, anzi meno di nulla. Non c’è nulla di autentico in ciò che dite e fate.

È tutta falsa rappresentazione.

E lo avete dimostrato in questi anni, in cui avete fatto arrivare in maniera disordinata e caotica migranti a migliaia con le navi delle finte ONG di Soros per farli sbarcare come animali e lasciarli andare in giro per l’Italia come cani randagi.

Vi siete accorti del disastro che avete combinato e avete messo Minniti a fare di nascosto la politica che ora apertamente sta facendo il Governo Conte. Ci sono le stalle dove si produce grana e parmigiano che sono hotel di lusso rispetto alle abitazioni di coloro i quali asserite e vi presentate come difensori: la vostra ipocrisia e la vostra falsità che ha prodotto macelleria sociale di italiani e stranieri grida vendetta. Con le vostre leggi che autorizzavano il precariato indiscriminato – ora abrogate dal Governo a 5 Stelle con il Decreto Dignità – avere permesso i campi di concentramento dei migranti che raccoglievano pomodori per l’industria conserviera in Campania e Puglia e che morivano nei capannoni o nei furgoni in cui i loro ‘padroni’ non ci facevano stare neanche le loro bestie da allevamento.

E voi non avete chiuso un occhio solo ma tutti e due, a parte qualche sceneggiata televisiva di sdegno, ben sapendo che il giorno dopo sarebbe ricominciato tutto come il giorno precedente al televisivo sdegno.

Loading...

Insieme alla saga dello sdegno, falso e ipocrita, sul Decreto Sicurezza, a distanza di qualche giorno, è incominciata quella delle due barche Sea Watch e Sea Eye. I nomi stranieri non devono indurre in inganno perché incomprensibili e sembra che siano di nessuno. Sono di proprietà della ONG tedesco-olandese Sea Watch.

Se tedeschi e olandesi sono così buoni perché non prendono un pubblico impegno di portarli con un aereo da Malta in Germania o in Olanda, o suddividendoli tra loro? A quel punto Malta non avrebbe nessuna difficoltà a fare attraccare le due navi nei loro porti.

Oppure perché la Commissione UE, tanto pronta a imporre diktat all’Italia in temi economici, perché non impone il diktat in tema di migrazione obbligando a suddividere i migranti in tutta la UE? Perché la Commissione UE fa la voce grossa solo con l’Italia?

Se questo non succede bisogna capire il perché di quella che appare ancora una volta una sciagurata tragicomica commedia sulla pelle di ignari migranti attirati da chi presenta il viaggio in Europa come il viaggio verso il nuovo eldorado, verso il paese dei balocchi, ma in effetti organizza le nuove tratte di schiavi. E perché le ONG continuano a rendere possibile e a dare un senso a questi viaggi di sfruttamento e di morte?

Come si fa a impedire che sorga il legittimo dubbio che tutto questo chiasso attorno alle due navi sia organizzato per motivi esclusivamente politici, e cioè per cercare di creare difficoltà al Governo Conte?

Tra un po’ in Italia si dovrà tornare a discutere di cose serie come il Reddito di Cittadinanza e Pensione di Cittadinanza a chi ne ha bisogno oltreché dell’abolizione della Fornero.

A quel punto tutti gli oppositori del Governo, quelli ufficiali e i pochissimi ascari che lo sono di nascosto magari con il fuoco amico, si troveranno nella molto scomoda condizione di dover esaminare tra le ipotesi di reazione anche quella di dover tener la bocca chiusa.

Perché apparirà evidente la loro impotenza politica e la loro inanità politica.

Infatti chi aveva governato prima l’Italia e i loro supporter mediatici dovranno esaminare l’ipotesi di stare in dignitoso silenzio o dovranno riconoscere che hanno sbagliato a fare macelleria sociale e dovranno ammettere che la politica del nuovo governo va incontro a bisogni primari ed essenziali di una parte molto ampia del nostro popolo, oppure dovranno distrarre l’attenzione della gente da questa problematica politica.

Oppure, infine, inventarsi qualcosa per arrampicarsi sugli specchi e inventarsi una opposizione che possa presentarsi con un minimo di senso.
Insomma obbligare la gente a parlare solo di immigrazione può essere una manna sul piano della ‘strategia della comunicazione’ di PD e FI che prima erano al governo e dei loro organi di (dis)informazione.

In tutto questo apparente marasma noi ce la sentiamo di dire una verità: solo il Governo Conte si sta occupando seriamente sul piano operativo di uomini, donne e bambini che stanno bloccati nelle due navi tedesche-olandesi sulla rada dei porti maltesi.

Ma tutti gli oppositori, ufficiali e i pochi ascari camuffati da sostenitori, sono schierati con tulle le armi a disposizione e impegnati ad aggredire, con azioni che loro sperano siano letali, il Governo Conte e soprattutto Luigi Di Maio.

Dei migranti uomini, donne e bambini a PD, FI e ai loro giornaloni non importa nulla.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.