Kyenge appoggia Orlando: “no al prima gli italiani”. La sinistra vuole fermare Salvini così.

Dopo un periodo di silenzio, Cecile Kyenge torna a parlare.

Ciò che ha smosso il suo animo, ancora una volta, è il principio “prima gli italiani” che ha intenzione di smantellare con ogni forza e mezzo.

L’intento è sempre il medesimo: attaccare il ministro degli Interni, che ritene responsabile anche del il divieto per le donne di partecipare alla finale di Supercoppa italiana.

Come riportato da Adnkronos:

“Il regolamento per assistere alla Supercoppa italiana del calcio discrimina le donne ed è doveroso per il governo e gli organismi sportivi non assecondare questa vergogna. Non capisco Salvini, non sono d’accordo con lui. Oggi è al governo, è ministro dell’Interno e vicepremier, non basta dire ‘io alla partita non ci vado’, non abbiamo bisogno di spot, basta fare campagna elettorale. Non è che non ha delle responsabilità, ha un ruolo decisionale, faccia annullare il regolamento per rispettare dei diritti fondamentali.

Qui non si tratta di una questione di destra o di sinistra. Si tratta di difendere i diritti di tutte le persone, specialmente quelle più vulnerabili, come le donne. Io mi sono sempre schierata per eliminare ogni tipo didiscriminazione all’interno del mondo dello sport, così come in ogni luogo e settore, per tutti, senza distinzioni di colore, lingua, origini”.

Dopodichè parla dell’episodio che ha coinvolto il difensore del Napoli Koulibaly, al quale sono stati rivolti cori razzisti:

“Io ho vissuto sulla mia pelle la discriminazione quando sono stata attaccata da Calderoli e dai vari Borghezio. Ho ricevuto solidarietà verbale e mi sono ritrovata sola davanti al Tribunale civile. E’ ora di azioni concrete. L’abbiamo visto anche con Koulibaly. Sono stata la prima ad esprimere solidarietà, a denunciare la vergogna”.

Immediato e scontato il collegamento con il Decreto sicurezza, per il quale si schiera al fianco dei sindaci di sinistra che vi si stanno opponendo:

“Chi rispetta i diritti umani non è eversivo. È eversivo chi non li rispetta. Voglio esprimere il mio sostegno a Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo, che insieme ad altri sindaci italiani in queste ore ha compiuta la giusta e coraggiosa decisione di sospendere nella sua città il Decreto Salvini, il ‘decreto insicurezza’”.

E in un post su Facebook spiega:

“Il compito di un sindaco è quello di provvedere alla salute, alla tutela e alla difesa dei diritti dei suoi cittadini e di chi abita la città che amministra. E sono proprio la salute, la tutela e la difesa dei diritti ad essere messe a repentaglio dal Decreto Salvini, che come dico da tempo mette a repentaglio la sicurezza delle persone. Le parole di Orlando sono chiare e forti, che spero possiate condividere anche sui vostri profili: lottiamo per la difesa dei diritti umani!”.

Una presa di posizione meno feroce, invece, è quella sulla cittadinanza:

“Non lo so, vedo un po’ di confusione. Quel che conta è proteggere le persone, specialmente quelle più vulnerabili, indipendentemente dal colore della pelle e dalle origini, sempre nel rispetto della Costituzione. Vedo, invece, solo il principio ‘prima di tutti gli italiani’…”

.Fonte: IlGiornale

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.