Crollato nei sondaggi, ora Macron fa mea culpa: “Ho fallito”

Loading...

Emmanuel Macron fa “mea culpa”. Ed è già una notizia per un presidente come quello francese che non è mai stato particolarmente propenso ad accettare critiche né a fare autocritica.

In una lunga intervista all’emittente Tf1 all’interno della portaerei Charles De Gaulle, il presidente francese ha concluso dicendo: “Non sono riuscito a riconciliare il popolo francese con i suoi dirigenti“.

Per Macron si tratta di un cambio di comunicazione che è probabilmente frutto del suo crollo di popolarità. Arrivato al picco più basso con un 27% di gradimento, è arrivato il momento di riconoscere i propri errori. Non è proprio la prima volta, visto che lo ha già fatto con il rimpasto di governo e con il suo viaggio nelle Antille. Ma questa volta sembra che l’autocritica sia più profonda.

Il capo dell’Eliseo ha dichiarato di voler dirigere il Paese “in un modo diverso“. “Oggi i nostri concittadini vogliono tre cose: essere presi in considerazione, essere protetti e trovare delle soluzioni. Soluzioni non dichiarazioni. Forse di considerazione non ne hanno avuto abbastanza. Considerazione significa ascoltare la gente lamentarsi e rispettare“, ha detto Macron. E viste le ultime uscite del presidente, si tratta di un vero e proprio me culpa.

Loading...

Attenzione anche per quanto riguarda la ultime proteste dei “gilet gialli”. “Questa rabbia la condivido con voi, poiché c’è una cosa che non sono riuscito a fare: riconciliare il popolo francese con i suoi dirigenti”, ha detto Macron. Il presidente si è impegnato a “riconciliare la base col vertice“, assicurando di “battersi al livello mondiale per far abbassare il prezzo del petrolio, responsabile dei tre quarti dell’aumento“. E si è detto “impaziente” di ottenere buoni risultati su più fronti.

E sul fronte dei rapporti tra Francia e Stati Uniti dopo lo scontro con Donald Trump, il presidente apre a una fase di distensione. “Ad ogni grande momento della nostra storia siamo stati alleati e tra alleati ci dobbiamo il rispetto. Credo che quello che i francesi si aspettino da me non sono risposte con tweet ma di continuare a portare avanti questa storia importante“. E Macron lancia un monito: “Gli Stati Uniti continueranno ad essere un alleato storico, con il quale prendiamo rischi, svolgiamo operazioni complesse, ma essere alleato non significa essere vassallo. Non dobbiamo dipendere da loro“.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.