Arrestati Migranti. Ecco cosa progettavano. Una vera strage?

Loading...

A Ventimiglia sono stati arrestati 3 afgani con una accusa molto pesante.
Nell’auto portavano 14 migranti verso la Francia. La polizia ha trovato 17 stranieri in una Renault Espace, guidata dai tre.

Certo che stipare ben 17 persone in un auto sembra una cosa degna di una vera e propria impresa.
Eppure questi traghettatori ci sono riusciti.

Su il Giornale, infatti, leggiamo che:

Come han fatto è, più o meno, semplice: stipati tra i sedili posteriori e nel bagagliaio, proprio come animali diretti al macello. Per fortuna, gli agenti della polizia di frontiera, notando dei movimenti sospetti sono riusciti a fermare il mezzo all’imbocco dell’Autofiori. I migranti, tutti di etnie diverse – c’erano infatti: afgani, palestinesi, siriani, nigeriani e nordafricani – erano ormai allo stremo delle forze e in sofferenza di ossigeno.

Loading...

Il blitz è scattato, dopo alcune ore di pedinamento, mentre il conducente del mezzo stava ritirando la ricevuta per entrare in autostrada alla Barriera dell’A10. Proprio in quell’istante, due poliziotti hanno aperto le portiere, bloccando il veicolo. Subito dopo sono giunte tre pattuglie di rinforzo e il mezzo è stato portato nel piazzale della caserma per essere ispezionato.

Dal monovolume scendono subito i tre passeur afgani: di 22, 29 e 32 anni, uno con regolare permesso di soggiorno in Italia. Subito dopo scendono anche gli altri: quattordici clandestini che avevano pagato circa 150 euro a persona per un passaggio oltre frontiera. Alcuni di loro erano incastrati nel bagagliaio e non riuscivano neppure a muovere la testa, ridotti in precarie condizioni di salute.

Questa notizia ci fa capire i seri rischi che si corrono ogni giorno anche in Italia.
Così come vanno via, potrebbero anche arrivare, chiunque.

Cosa ne pensate?

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.