Regolamento Ue e l’utilizzo di nuovi ingredienti nei banconi dei Supermarket.

Loading...

Entra in vigore un nuovo regolamento Ue sui “novel food”. Di cosa si tratta? Semplicemente che questo sarà l’ultimo anno senza insetti sulle tavole degli italiani.

La notizia non fa saltare di gioia molti. Anzi una buona percentuale dei cittadini si dice contraria a questo provvedimento. Ma dalla Coldiretti ci fanno sapere che il regolamento è ormai in vigore.

Prossimamente nei supermercati italiani sarà possibile comprare insetti da cucinare. Grilli, millepiedi, tarantole, vermi giganti e bachi da seta. Questi sono solo alcuni. Per i buongustai, invece, ci saranno:

“gli ”aperinsetti” come vermi della farina aromatizzati alla paprica, al curry e al sale marino da mangiare con un sorso di vodka ai bachi da seta”.

Leggiamo su Il Denaro:

Loading...

E per chi vuole infrangere ogni barriera del gusto ci sono gli scorpioni dorati dalla Cina e neri dalla Thailandia, gli spiedini di scarabei e una vasta la scelta di grilli tutti made in Asia. Una novità che non piace al 54% degli italiani che li considerano estranei alla cultura alimentare nazionale mentre sono indifferenti il 24%, favorevoli, il 16% e non risponde il 6%, secondo una indagine Coldiretti/Ixe’.

Pochissimi, in particolare, i favorevoli alla possibilità di mangiare insetti interi, secondo quanto emerso da una ricerca dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (Cuneo) che ha effettuato dei test di degustazione coinvolgendo dei volontari. Maggiore disponibilità si è, invece, riscontrata, continua la Coldiretti, al consumo di prodotti che contengono insetti nel preparato (come ad esempio farina di grilli o pasta con farina di larve).

I più coraggiosi sperimenteranno queste nuove ricette culinarie. E voi invece, cosa pensate delle novità inserite nel menu degli italiani?

Fonte: ildenaro

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.