Tagli alle “pensioni d’oro”, lite M5s-Lega. Il Carroccio è già pronto a fare retromarcia

Loading...

Roma – Il taglio delle pensioni d’oro sta facendo emergere le prime crepe tra Movimento 5 Stelle e Lega.

E il capogruppo del Carroccio alla Camera, Riccardo Molinari, cofirmatario del progetto di legge con l’omologo pentastellato Francesco D’Uva, a preannunciare la marcia indietro. «Se l’applicazione della norma porta effetti diversi da quelli desiderati, lavoreremo con i tecnici del Parlamento e del ministero – che ha le tabelle – per correggerla», ha dichiarato all’Ansa aggiungendo che «l’idea di fondo è un ricalcolo per arrivare di fatto, solo per il retributivo delle pensioni sopra i 4mila euro netti, a un contributo di solidarietà a favore delle pensioni minime». Molinari ha ricordato come la proposta fosse contenuta anche nel programma elettorale del centrodestra affermando che «abbiamo sostenuto la proposta dei Cinque stelle, concordando un’impostazione che non penalizzi chi è andato in pensione prima» in cambio del sostegno alla «nostra flat tax». Uno scambio tutto «politico», ma giocato sulla pelle dei pensionati.

Loading...

A infastidire Lega è stata, in particolare, la sottolineatura del vicepremier Luigi Di Maio, secondo cui l’introduzione di un contributo di solidarietà (in luogo del ricalcolo contributivo) sarebbe palesemente incostituzionale. Un malcontento che ha due motivi. Il primo riguarda il ricalcolo stesso che, in realtà, è solo la mera applicazione di un coefficiente di trasformazione che si basa su un’età di pensionamento posticcia perché determinata ex post e, dunque, foriera di contenziosi. La seconda ragione è più politica ed è legata al fatto che il contributo di solidarietà è la proposta leghista (avanzata dall’esperto di materia previdenziale Alberto Brambilla, candidato dalla Lega alla presidenza Inps) e potrebbe essere accettata dalla Corte Costituzionale ove dimostrato che il recupero delle risorse servirebbe, come è intenzione, a finanziare l’incremento delle pensioni più basse. In fondo, il contributo di solidarietà del governo Letta si è salvato perché copriva le salvaguardie per gli esodati.

Affermare che il governo sia in completo stato confusionale sul dossier pensionistico non è scorretto. A osservare attentamente le ipotesi, infatti, i coefficienti di trasformazione parametrati sull’età di uscita non sono altro che una prosecuzione della legge Fornero con altri mezzi: si punisce (anche retroattivamente) chi ha abbandonato il lavoro prima dei 60 anni indipendentemente dalla legge in vigore in quel momento. Analogamente, anche se si tratta di un altro capitolo, anche l’eventuale introduzione di «quota 100» segue lo stesso copione. Se inizialmente costerà 4 miliardi, ciò significa che gli assegni saranno calcolati interamente con il metodo contributivo.

Il punto, come detto, non è tecnico ma politico. Lega e Cinque stelle, forti del consenso nei sondaggi, continuano a denigrare e intimidire chiunque avanzi obiezioni. «Basta pensioni d’oro, più equità sociale!», ha scritto in un post D’Uva additando al pubblico ludibrio «opposizioni e media compatti contro il taglio delle pensioni d’oro». E poi via con gli slogan: «Stiamo combattendo la casta e i loro privilegi. Non ci fermeranno!», ha concluso. Ma Francesco Giro (Fi) non ci sta: «È una riforma senza capo né coda, un obbrobrio giuridico. Faremo le barricate in Parlamento».

IL GIORNALE.IT
Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.