Voleva dormire a Scrocco in Ospedale, ecco questo Migrante cosa combina a questo

Purtroppo le notizie di migranti che danno di matto e diventano violenti sono tante.
Quella che vi stiamo per raccontare è successo a Gallarate.

Il migrante in questione voleva dormire nell’ospedale.
Ovviamente alla risposta negativa data dagli addetti ai lavori, il migrante ha iniziato a dare di matto.

Su il Populista leggiamo che:

Martedì scorso un polacco di 26 anni, dopo aver ricevuto il divieto di dormire all’interno dell’Ospedale di Gallarate, ha letteralmente dato di matto distruggendo dapprima la vetrina della portineria ospedaliera e colpendo subito dopo una guardia giurata intervenuta per calmarlo.

Ha anche tentato di colpire i poliziotti giunti sul posto, ma è stato prontamente arrestato e trasportato nel carcere di Busto Arsizio. E’ accusato di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni aggravate e danneggiamento aggravato. A quanto si è appreso, poche ore prima, lo stesso 26 enne aveva danneggiato alcuni computer all’interno dell’aeroporto internazionale di Malpensa.

“Complimenti alla Forze dell’Ordine”, commenta il candidato leghista alle Regionali Giampiero Reguzzoni, consigliere regionale uscente; “ma ancora una volta siamo davanti ad un cittadino straniero che delinque da noi per soddisfare pretese che non avrebbe nemmeno nel suo paese d’origine. Chi pagherà questi danni? Probabilmente i lombardi ma il conto dovrebbe essere mandato alla Boldrini. Con la libera circolazione dei cittadini in Europa non sarà neppure facile la sua espulsione. L’Europa ci dà solo oneri e nessun vantaggio. Unica speranza è che un nuovo Governo di Centrodestra possa aiutare il futuro governatore di Regione Lombardia Attilio Fontana a completare il percorso di autonomia iniziato dalla Giunta Maroni”.

Che ne pensate di tutto questo?

Secondo voi fino a cosa si arriverà?
Diteci la vostra.
Grazie!

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.