Questa Associazione Buonista fa una figura di Mer**. Attacca Salvini così, ma la Rete li Sbugiarda

Loading...

Ancora ondata di odio su Salvini.
Ma stavolta non è perdonata.
Sì, perché il popolo di internet è dalla parte del leader leghista.

Su il Populista leggiamo che:

Associazione buonista denuncia Salvini per “odio razziale”. Insorge la Rete
“Appare configurarsi il reato di diffusione idee fondate sull’odio etnico o razziale: Salvini fomenta un’allarmante intolleranza sociale”

“Siamo un gruppo di cittadini che ha deciso di denunciare il ministro dell’interno. Siamo volontari, attivisti solidali, cittadini che credono nell’accoglienza e nei valori che trasmette. Insieme all’associazione Baobab Experience abbiamo denunciato alle autorità Matteo Salvini per il reato di diffusione di idee fondate sull’odio etnico o razziale”. Così sulla propria pagina Fb i responsabili di un’associazione romana.

Che aggiunge: “Una sentenza della cassazione ha ritenuto la frase ‘dovete andare via’, rivolta ad alcuni immigrati minacciati ed aggrediti, aggravante con finalità di discriminazione, ovvero di odio razziale o etnico. Il ministro dell’interno ha delegittimato la sentenza a mezzo Twitter riproponendo, di fatto e ripetutamente, la stessa locuzione: ‘Andate via’. Per questo appare configurarsi il reato di diffusione idee fondate sull’odio etnico o razziale: Salvini fomenta un’allarmante intolleranza sociale”.

Loading...

Il commento del leader leghista è stato asettico: “L’associazione BAOBAB EXPERIENCE mi ha denunciato per odio razziale. La colpa? Aver scritto su Facebook: Andate via!. Non scherzo, trovate tutto qui: https://www.facebook.com/840615826015171/posts/1776263759117035/. Ma la replica del mondo della Rete non s’è fatta attendere e contro l’associazione si è scatenata l’indignazione del popolo del Web.

Ecco infatti alcuni dei commenti:

 

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.