Nicole Minetti e Ruby Bis, le motivazioni della condanna: “Attività di escort contro la dignità”

Loading...

Arriva una ventata in stile-ayatollah dall’ultima sentenza della Corte d’Appello di Milano per il caso Ruby bis. Nelle motivazioni della condanna che ha coinvolto Emilio Fede e Nicole Minetti, i giudici hanno voluto chiarire che le escort svolgono un’attività che, anche se “scelta deliberatamente e liberamente”, si pone “in contrasto con la tutela della dignità della persona umana“, protetta dalla normativa che punisce la “agevolazione della prostituzione”

Loading...

Con queste motivazioni, i giudici hanno quindi respinto la questione di legittimità costituzionale della legge Merlin posta dalle difese. Lo stesso quesito è stato invece accolto dalla Corte di Bari nel caso Tarantini, che hanno trasmesso il quesito alla Corte costituzionale. Se i giudici della Consulta potranno esprimersi, come dovrebbe succedere in un Paese che si definisce ancora laico e liberale, gli italiani lo dovranno ai giudici pugliesi.

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.