I pentiti del Pd ora avanzano la richiesta a Grillo: “Vogliamo un alleanza con il M5S.”

Loading...

Un vero affondo con le parole di Cuperlo che ammette di aver sbagliato tutto. E l’attacco finale al Carroccio.

Alcuni scontenti piddini infatti si fanno avanti e chiedono le attenzioni di Beppe Grillo. Come dire, piangono sul latte versato.

Leggiamo cosa riporta Il Giornale:

Dunque c’è un piccolo grande segreto di Pulcinella, nel serpe tentatore che sbuca d’ogni scrivania del Nazareno ammiccando alla mela del peccato: l’innominabile voglia piddina di diventare la «sesta» stella di Casaleggio (in fondo a destra, questo è il cammino/ e poi dritto fino al mattino/poi la strada la trovi da te).

Loading...

Se Salvini punta smodatamente a incarnare l’intera anima del centrodestra, senza rendersi conto che è proprio il suo radicalismo a ostacolarlo, Luigi Di Maio di questi problemi non ne ha: si pone già, stabilmente, come un capo pidino 3.0.

Senza primarie, senza fanfeluche, senza impicci. Stesso elettorato, quello sul quale insistono Cinquestelle e Pd; competition is competition, è questo in realtà il motivo che impedisce a un politico cui è rimasto solo il fiuto animale, come Renzi, di scendere a patti con chi gli ha rubato l’elettore dal piatto.

A parlare di una speranza per una riconciliazione con il Movimento 5 Stelle è Cuperlo. Lui, che Martina non ha considerato nel nuovo schema centrale della nuova formazione dem.

Ora il “pentito” chiede la grazia e ritorna sui suoi passi, temendo che l’alleanza dei pentastellati con il Carroccio diventi sempre più compromessa.

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.