I pentiti del Pd ora avanzano la richiesta a Grillo: “Vogliamo un alleanza con il M5S.”

Un vero affondo con le parole di Cuperlo che ammette di aver sbagliato tutto. E l’attacco finale al Carroccio.

Alcuni scontenti piddini infatti si fanno avanti e chiedono le attenzioni di Beppe Grillo. Come dire, piangono sul latte versato.

Leggiamo cosa riporta Il Giornale:

Dunque c’è un piccolo grande segreto di Pulcinella, nel serpe tentatore che sbuca d’ogni scrivania del Nazareno ammiccando alla mela del peccato: l’innominabile voglia piddina di diventare la «sesta» stella di Casaleggio (in fondo a destra, questo è il cammino/ e poi dritto fino al mattino/poi la strada la trovi da te).

Se Salvini punta smodatamente a incarnare l’intera anima del centrodestra, senza rendersi conto che è proprio il suo radicalismo a ostacolarlo, Luigi Di Maio di questi problemi non ne ha: si pone già, stabilmente, come un capo pidino 3.0.

Senza primarie, senza fanfeluche, senza impicci. Stesso elettorato, quello sul quale insistono Cinquestelle e Pd; competition is competition, è questo in realtà il motivo che impedisce a un politico cui è rimasto solo il fiuto animale, come Renzi, di scendere a patti con chi gli ha rubato l’elettore dal piatto.

A parlare di una speranza per una riconciliazione con il Movimento 5 Stelle è Cuperlo. Lui, che Martina non ha considerato nel nuovo schema centrale della nuova formazione dem.

Ora il “pentito” chiede la grazia e ritorna sui suoi passi, temendo che l’alleanza dei pentastellati con il Carroccio diventi sempre più compromessa.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.