M5S: ‘La Rai libera dalla politica: domani votazione online dei membri del Cda della RAI’

Loading...

Il M5S vuole la Rai libera dalla politica mettendo la parola fine alla lottizzazione della tv di Stato.

“Vogliamo dire basta – fa sapere il M5S sul Blog delle Stelle – alla concezione distorta del pluralismo come spartizione di un feudo secondo canoni cencelliani”.

I pentastellati sottolineano la necessità di avere un’informazione indipendente e di avere nel servizio pubblico giornalisti che non siano “asserviti al partito di turno”.

Il Movimento 5 Stelle vuole “consegnare ai cittadini” una Rai che rappresenti il “punto di equilibrio tra il patrimonio della nostra storia e la visione di un futuro multimediale già nelle mani delle giovani generazioni”.

La televisione pubblica deve aiutare i cittadini a sviluppare il senso critico, civile ed etico della collettività.

Per questo l’azienda, nelle intenzioni dei 5Stelle, “dovrà ridisegnare completamente, da qui a cinque anni, la propria offerta”.

I punti fondamentali su cui intervenire sono la qualità del prodotto audiovisivo, la fruizione dei contenuti tramite vari dispositivi e la possibilità di commercializzare il prodotto anche all’estero.

Loading...

Queste sfide potranno essere lanciate, secondo il M5S, soltanto investendo su personale in grado di creare il prodotto televisivo e su professionisti che sappiano fare buon uso dei new media e della tecnologia per distribuire al meglio i contenuti.

L’obiettivo, scrivono i 5Stelle, è “quello di far evolvere la Rai verso un modello di moderna media company che punti sul digitale e sull’innovazione”.

A breve saranno eletti in Parlamento i 7 membri del nuovo Cda della Rai e il M5S presenterà 4 candidati, che saranno scelti tramite una votazione online sulla piattaforma “Rousseau”.

“E’ stata fatta una prima scrematura e sono stati individuati dei profili pronti ad impegnarsi nella realizzazione della nostra visione di tv pubblica facendo del merito il principale criterio di selezione. I profili più votati saranno quelli che il MoVimento esprimerà in Parlamento anche in relazione a dove si sono candidati e tenendo conto della rappresentanza di genere”, fa sapere il M5S.

 

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.