Marcello Veneziani su Silvio Berlusconi: “Un declino inglorioso che non lascia eredi, quando avrebbe dovuto ritirarsi”

Silvio Berlusconi è stato l’ultimo Re d’Italia”, esordisce Marcello Veneziani in un commento su Il Tempo. “Da monarca si è sempre comportato, nel bene e nel male. E da re ha suscitato le passioni, amori e odi, nella popolazione. Ma la sua monarchia – ecco la sentenza – non lascia eredi“. Dunque Veneziani passa alla più stretta attualità: “L’ultimo delfino, nominato in questi giorni, Antonio Tajani, è il più adatto al ruolo assegnato perché non ha i tratti del leader ma del luogotenente”. Quindi, dopo aver ripercorso la carriera del neo-delfino, la seconda sentenza: “Anche stavolta Tajani è il testimone di una monarchia che non c’è più, congedata nell’esilio

La firma sottolinea che “Forza Italia perde ranghi e soprattutto perde voti a beneficio degli alleati, la Lega, soprattutto”. “Ma gli alleati politici di Berlusconi non possono dirsi suoi eredi: discendono piuttosto dai partiti di provenienza, vengono da Bossi o da Fini, dal Carroccio e dalla Fiamma di sezione”. Su Silvio Berlusconi, poi afferma: “Nel declino inglorioso del Re, che avrebbe lasciato un altro ricordo se si fosse ritirato, sdegnato, dopo il mezzo golpe subito, resta però incustodito uno spazio politico non da poco: l’area nazional-conservatrice di centro-destra che oggi non ha più riferimenti e un po’ resta con Re, ma un po’ ripiega provvisoriamente su Salvini”. Infine, l’amara conclusione di Veneziani: “Ma oggi i ruoli sono invertiti, i populisti radicali stanno al governo e i moderati boccheggiano all’opposizione, litigando a sinistra in cui sono lavisti. Di Berlusconi nessuna traccia. Sotto il sorriso niente”.

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.