Lega, l’inchiesta: può salvare i conti ma teme il nuovo superteste

Loading...

Nell’inchiesta giudiziaria sui fondi della Lega ai tempi di Umberto Bossi e Francesco Belsito, spunta un superteste.  Rivela La Stampa che il 13 giugno la Guardia di Finanza ha perquisito la Sparkasse di Bolzano, nella ipotesi che avesse gestito un giro anomalo con il Lussemburgo: investimento da 10 milioni a fine 2016 (quando è già segretario Matteo Salvini) nel fondo Pharus, rientro di 3 milioni a gennaio 2018.

Loading...

L’operazione è stata segnalata come sospetta dal Granducato che ha pure precisato che la “titolarità” sarebbe della Lega e che forse si tratterebbe di una “metamorfosi” dei rimborsi, col sospetto che sono stati imboscati e non spesi. I pubblici ministeri hanno chiesto di acquisire nuovi elementi proprio in Lussemburgo e ora si è scoperto che è una rogatoria “testimoniale”, ergo si tratta di un superteste all’estero.

Il nodo dell’inchiesta alla fine è questo: se gli stanziamenti non erano ancora stati dichiarati “indebiti”, bisogna capire se anziché spenderli li hanno “nascosti” con artifici.

 

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.