Giuseppe Conte, il “suocero” Cesare Paladino nei guai: intascava la tassa di soggiorno, 2 milioni di euro nel mirino

Nei guai il “suocero” del premier Giuseppe Conte. Un’indagine infatti va a colpire Cesare Paladino, proprietario del Grand Hotel Plaza di Roma, uno dei più noti alberghi della capitale. Paladino è padre di Olivia, l’attuale compagna del presidente del Consiglio. La procura di Roma contesta all’imprenditore il reato di peculato: tra il 2014 e il 2018 si sarebbe intascato la tassa di soggiorno destinata alle casse del Comune di Roma, per un totale di circa 2 milioni di euro. Nel dettaglio, secondo quanto accertato dal procuratore aggiunto Paolo Ielo e dal pm Alberto Pioletti, Paladino si sarebbe illecitamente appropriato di oltre 300mila euro nel 2014, di oltre 1,5 milioni nel 2015, 2016 e 2017 e, infine, di crica 88mila euro per l’ano in corso.

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.