Giorgia Meloni, la soluzione definitiva sull’invasione: “Ha ragione Libero: blocco navale contro gli sbarchi

Loading...

Caro direttore, è stata per me una piacevole sorpresa, ieri mattina, l’ apertura di Libero con cui il Suo giornale fa propria una battaglia storica di Fratelli d’ Italia, che stiamo rilanciando in questi giorni mentre le ipocrisie europee sul tema dell’ immigrazione cadono una a una. Finalmente un organo d’ informazione non ha paura di pronunciare le due uniche parole risolutive: blocco navale.

Da realizzare al largo delle coste della Libia e da gestire con un coordinamento europeo, perché il confine Sud del Mediterraneo è il confine di tutta l’ Unione, non dell’ Italia. Se la moneta è comune, se le regole del commercio sono comuni, anche le frontiere sono comuni, altrimenti non è un’ Unione, è una presa in giro. Tra l’ altro, è quello a cui ci richiamano il tanto vituperato Orban e tutto il gruppo di Visegrad: come noi difendiamo il confine a Est, ci dicono, non si capisce perché voi non difendiate il confine a Sud.

Loading...

Il blocco navale è l’ unico provvedimento che agisce all’ origine del fenomeno e interrompe la catena della morte incentivata dagli scafisti che trafficano in esseri umani. Non è una presa di posizione ideologica, è la cronaca quotidiana a suggerircelo. In queste ore sta navigando nel Mediterraneo la nave Lifeline con il suo carico di oltre 200 immigrati, raccolti e trasportati in mare aperto contro qualunque regola, contro le indicazioni della Guardia costiera italiana e di quella libica. Siamo contenti che il ministro Salvini, ascoltando la nostra proposta, abbia annunciato in caso di attracco in un porto italiano il sequestro della nave e l’ arresto dell’ equipaggio, dal momento che ci troveremmo davanti a un palese caso di favoreggiamento dell’ immigrazione clandestina. Rimane il dato incontestabile che si tratta di (sacrosanti) palliativi, in attesa che parta il prossimo barcone.
L’ unica decisione che può affrontare di petto l’ emergenza (che si tratti di emergenza ormai non lo negano più neppure la Merkel e Macron) è impedire le partenze stesse. La via è il blocco navale, che non si configurerebbe affatto come una minaccia nei confronti della Libia, anzi a nostro giudizio si può e si deve attuare in accordo con le autorità libiche, mettendo sul tavolo tutta la forza e l’ autorevolezza negoziale dell’ Unione Europea.

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.