Elio Lannutti, il parlamentare del M5s che vuole affondare le navi delle ONG “pagate da Soros”

Loading...

Elio Lannutti, parlamentare del Movimento 5 Stelle e presidente onorario di Adusbef, è protagonista della nuova puntata della campagna contro le organizzazioni non governative: “Le Ong finanziare da Soros ed altri ideologhi della sostituzione etnica, oltre ad essere bandite dovranno essere affondate. Tolleranza zero!”

“Migranti: credo che di questo passo, le Ong finanziare da Soros ed altri ideologhi della sostituzione etnica, oltre ad essere bandite dovranno essere affondate. Tolleranza zero!”. Con queste parole, il senatore del MoVimento 5 Stelle (già in Parlamento come indipendente e poi con l’Italia dei Valori) Elio Lannutti, ha scritto una nuova pagina della campagna di criminalizzazione delle organizzazioni non governative che operano nel Mediterraneo per la search and rescue dei migranti. In sostanza, per Lannutti le barche delle ONG non solo dovrebbero essere bandite dai porti italiani (qui vi abbiamo spiegato perché, in linea di principio, questa cosa non è possibile) ma finanche “affondate”. Senza migranti a bordo, ha poi precisato Lannutti, concedendo almeno la chance di non essere ammazzati in mare aperto a centinaia di persone.

Loading...

Probabilmente il senatore si riferisce alla possibilità di affondare in mare i barconi degli scafisti, una delle regole di ingaggio della missione Eunavfor  -Med contro i trafficanti di uomini. Mentre, come è ovvio, non c’è la minima possibilità di “affondare” una imbarcazione come quelle che utilizzano le organizzazioni non governative.

Il Presidente onorario di Adusbef, del resto, è noto per la sua linea complottista sull’immigrazione e non manca mai di sottolineare presunti legami fra l’attività delle ONG e “Soros”, “la finanza mondialista”, arrivando più volte a posizioni tipiche dei sostenitori del cosiddetto “piano Kalergi”, l’invasione programmata dell’Europa allo scopo di sostituzione etnica. Ma, del resto, il complottismo anti-Soros è già sbarcato in Senato dalla porta principale, nel primo discorso del nuovo ministro dell’Interno Matteo Salvini sulla gestione dei flussi migratori.

 

 

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.