Conte: ‘Porto a Bruxelles la European Multilevel Strategy for Migration, proposta italiana sul tema immigrazione

Loading...

“Sono appena arrivato a Bruxelles per portare la proposta italiana sul tema immigrazione: European Multilevel Strategy for Migration“.

Lo ha detto Giuseppe Conte parlando durante una breve conferenza stampa in vista dell’incontro informale che si tiene oggi nella capitale belga.

Il premier ha garantito che ci sarà un radicale cambio di approccio sul tema e ha affermato che L’Italia in Europa è chiamata ad una sfida cruciale.

“Siamo qui per presentare la proposta italiana, una proposta completamente nuova, basata sul nuovo paradigma di risoluzione dei problemi dell’immigrazione, si chiama ‘European Multilevel Strategy for Migration’,” ha detto Conte, che ha spiegato:

“È articolata in 6 premesse e in 10 obiettivi. È mirata a proporre una puntuale politica di gestione e di regolazione dei flussi migratori che sia realmente efficace e sostenibile”.

Loading...

E ancora: “È una proposta che mira a superare completamente il regolamento di Dublino. Riteniamo che quel regolamento sia basato sul un logica emergenziale mentre in realtà noi vogliamo affrontare il problema in modo strutturale. Le nostre opinioni pubbliche ce lo chiedono”.

Intanto la cancelliera tedesca ha dichiarato che quello di oggi è un “incontro molto importante” per trovare “accordi bilaterali e trilaterali” sul tema dell’immigrazione.

“L’aspettativa è che si possa trovare una soluzione comune in questi giorni”, in vista del vertice europeo di giovedì. “Sappiamo che non esiste ancora una soluzione europea – ha poi ammesso – quindi si tratta di trovare accordi bilaterali, di come possiamo aiutarci a vicenda e trattarci reciprocamente in modo equo e onesto”.

Il presidente francese Macron è sulla stessa linea di Merkel: “Dobbiamo trovare una soluzione europea sui migranti e si costruirà solo attraverso la cooperazione dei Paesi dell’Ue, che si tratti di una collaborazione a 28 o tra più Stati che decidono di andare avanti assieme. Questo richiede la responsabilità di ciascuno e spirito di solidarietà per condividere il peso che alcuni Paesi conoscono,” ha dichiarato.

 

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.