Elodie torna ad attaccare Giorgia Meloni: “Violenta e poco donna”

Nuovo affondo di Elodie contro Giorgia Meloni. È noto da tempo che la cantante non nutra una particolare simpatia per la leader di Fratelli d’Italia e neanche per il suo ‘collega sovranista’ Matteo Salvini. E ora che la Meloni è anche candidata indirettamente alla presidenza del Consiglio, l’artista decide di alzare ulteriormente il tiro. Lo fa rispondendo alle domande di alcuni giornalisti durante la Mostra del Cinema di Venezia di cui è protagonista.

Elodie contro Giorgia Meloni

Durante una recente conferenza stampa alla Mostra del Cinema di Venezia un giornalista domanda ad Elodie un parere sulle parole pronunciate qualche giorno fa dall’ex Segretario di Stato americano Hillary Clinton su Giorgia Meloni. “L’elezione della prima premier in un Paese rappresenta sempre una rottura col passato, ed è sicuramente una buona cosa. – ha dichiarato la Clinton – Però poi, come per ogni leader, donna o uomo, deve essere giudicata per quello che fa. Non sono mai stata d’accordo con Margaret Thatcher, ma ho ammirato la sua determinazione. Chiaramente poi si votano le idee”.

Parole molto diplomatiche da parte della moglie dell’ex presidente Bill Clinton alle quali però si contrappone il commento ruvido di Elodie. “È incredibile che una donna parli come un uomo del 1922, questo è il problema. – risponde senza peli sulla lingua la cantante – Una donna, una madre, dovrebbe avere un’attenzione per i diritti e dovrebbe capire che ci sono da sempre situazioni complesse dal punto di vista femminile. È incredibile come sia violenta e come sia poco donna”. Insomma, secondo Elodie, Giorgia Meloni si esprimerebbe proprio come un maschio vissuto 100 anni fa durante il fascismo. Nessuno sconto dunque per quella che potrebbe diventare la prima donna premier del nostro Paese, nonostante le aperture nei suoi confronti giunte persino dai Democratici a stelle e strisce come Hillary Clinton.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.