“È morto davanti alla figlia”. Choc in spiaggia: Bruno salva dei bimbi in mare e il suo cuore non regge

L’eroe, secondo definizione, è colui che mette a rischio la propria vita per salvarne di altre. E non c’è altro modo di raccontare l’incredibile vicenda di Bruno Padovani morto per salvare dei bambini. L’uomo, anziano di 82 anni, è deceduto poco dopo aver salvato dall’annegamento alcuni minori. Turista di Nogara, nel veronese, l’uomo è spirato sulla spiaggia tra Lido Adriano e Punta Marina, nel ravennate. Nel momento del pericolo Bruno non si è di certo tirato indietro e si è tuffato per salvare quattro bambini tra 8 e 10 anni che rischiavano di annegare.

Dopo averne portato in salvo uno, è stato forse stroncato da un malore per la fatica. È successo dopo le 18.30 quando i bimbi, appartenenti a una comitiva di origine magrebina, non appena arrivati in spiaggia sono corsi in acqua, nonostante onde, vento e bandiera rossa. In quel momento non era presente servizio di salvataggio, in quanto smonta alle 18.30. Ed è in questo momento che i quattro bambini, tre femmine e un maschio, sono andati subito in affanno.

bruno padovani morto per salvare dei bambini

Bruno Padovani morto per salvare dei bambini: aveva 82 anni

Moltissime le persone che hanno deciso di rischiare la vita e provare a soccorrerli. Anche un altro turista di origine bergamasca, che era intervenuto per i soccorsi, ha avuto un malore, poi si è ripreso. Sul posto, oltre al 118, anche vigili del fuoco con sommozzatori, capitaneria di porto e polizia locale.

bruno padovani morto per salvare dei bambini

Bruno Padovani morto per salvare dei bambini, era arrivato in riviera sabato scorso assieme alla figlia Paola e nel pomeriggio era sceso in spiaggia con lei. A un certo punto i due hanno sentito le urla provenire dai ragazzini in acqua. Poco dopo l’uomo si è lanciato in mare insieme ad altri bagnanti, mentre la figlia è andata a chiamare un’altra persona del loro gruppo, un’esperta nuotatrice.

bruno padovani morto per salvare dei bambini

A quel punto la donna è tornata ha visto varie persone che si accasciavano in battigia dopo aver tratto in salvo i ragazzini, tra cui anche il padre che è deceduto. “Mio padre è sempre stato così anche in vita, ha lavorato tanti anni in ospedale, faceva il centralinista, l’autista: ma la sua grande passione era la politica: è stato assessore ai servizi sociali, aiutava le persone in difficoltà”, ha raccontato la figlia.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.