La Cia sta aiutando l’Ucraina: a Kiev informazioni su bombe e generali russi

La rivelazione della rete Usa Nbc non arriva poi così a sorpresa: la Cia sta aiutando l’Ucraina e a Kiev sono arrivate, arrivano e continueranno ad arrivare informazioni su bombe e generali russi e su tutto ciò che può concretamente arrecare danni militari a Mosca.

Il ruolo dell’intelligence estera Usa in una guerra fatta soprattutto di dati e sorveglianza hi-tech è dunque cruciale, secondo la rete televisiva statunitense. Come? Ad esempio nel fornire immagini satellitari e dati sulla posizione esatta delle unità russe. Il che, secondo gli analisti, poi spiegherebbe perché durante la guerra sia morto un numero così alto e “mirato” di alti ufficiali divisionali e generali di Mosca.

La Cia sta aiutando l’Ucraina, ecco come

Quella forma di collaborazione gli americani l’hanno definito rivoluzionaria e sarebbe molto meno “segreta” di quanto non faccia presupporre la mistica delle barbe finte di Langley, il che lascia pensare che da Washington vogliano che si sappia “sfacciatamente” che gli Usa stanno aiutando Kiev. Nbc spiega che gli ucraini sarebbero riusciti a distruggere un aereo russo diretto ad Hostomel grazie alle coordinate ricevute dagli Stati Uniti. Quel cargo faceva parte della prima ondata d’assalto nella zona della capitale.

Truppe speciali decimate dopo una “soffiata”

E ancora: durante le prime ore di guerra gli spetznats russi avevano infatti tentato di conquistare l’aeroporto. Il target era creare una testa di ponte e favorire l’arrivo di rinforzi con gli aerei: quelle unità avrebbero dovuto anche neutralizzare il governo di Kiev e probabilmente uccidere Volodymyr Zelensky, ma ad aspettarle avevano trovato gli ucraini che li avevano decimati. In tema Zelensky Nbc ha spiegato che il servizio segreto americano contribuisce alla sua sicurezza, “suggerisce come proteggerne i movimenti, cerca di impedirne la localizzazione, probabilmente fa ricorso anche ad apparati elettronici per evitare le intercettazioni e il tracciamento”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.