Crisi Ucraina, attacco missilistico da parte della Russia: morti e feriti a Leopoli. Ecco cosa è successo

ATTACCO MISSILISTICO DELLA RUSSIA A LEOPOLI, MORTI E FERITI NELLA CITTÀ UCRAINA: ECCO COSA STA SUCCEDENDO

Leopoli nel mirino della Russia: la città a Nord-Ovest dell’Ucraina è da giorni sotto attacco delle truppe nemiche e, come riportato da SkyTg24, nelle scorse ore è stata bersaglio per la prima volta di un brutale attacco missilistico. L’esercito di Vladimir Putin, che continua ad assediare anche Mariupol e altre località a Sud del Paese, ha scaraventato dei missili su Leopoli provocando sei morti (tra cui un bambino) e otto feriti. Ad essere colpita è stata anche l’infrastruttura ferroviaria della città, con il probabile intento di ostacolare l’arrivo delle armi occidentali in favore degli ucraini.

COSA SUCCEDE IN UCRAINA

L’esercito russo, seppur a fatica e costretto a ritirarsi da Kiev, avanza sempre di più all’interno del territorio ucraino; nonostante la strenua resistenza di soldati e civili, i militari inviati da Putin stanno provocando un altissimo numero di morti e feriti, distruggendo edifici e strade, spezzando il futuro di migliaia di bambini e giovani e, in generale, mettendo a repentaglio una nazione intera. I combattimenti più cruenti stanno avendo luogo in particolare a Mariupol, Kharkhiv, Odessa Kreminna. La Russia prosegue dunque nel suo intento di conquistare il Donbass (e magari qualcosa in più) nonostante le pesanti sanzioni NATO. 

LI “PASS” PER I CITTADINI

Intanto a Mariupol, come riferito dalla Cnn, l’esercito russo ha letteralmente chiuso l’ingresso nella città e regolato la circolazione dei residenti attraverso un “pass” speciale rilasciato dai militari. Gli uomini rimasti nella città ucraina saranno soggetti a “filtrazione”, ovvero sottoposti a scrupolosi controlli dalle forze russe. Funzionari ucraini e statunitensi hanno affermato che i russi stanno confiscando i telefoni degli uomini e, in alcuni casi, li stanno deportando contro la loro volontà in Russia.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.