Doppia tragedia: figlio si uccide in casa, madre lo trova e muore di infarto

Tragedia familiare a Favara, città si circa 30mila abitanti della provincia di Agrigento, in Sicilia, dove un uomo, un impiegato scolastico cinquantaduenne, si è tolto la vita con una pistola – un revolver – legalmente detenuto.Adv

Doppia tragedia, perché vicino al corpo dell’uomo è stato ritrovato anche quello dell’anziana madre. La donna 83 anni, era riversa a tera senza vita quando nell’appartamento in via Bachelet sono intervenuti i sanitari del 118, secondo i quali sarebbe morta dopo aver trovato il il figlio morto suicida.

Favara suicida madre morta vede cadavere

Favara: si suicida e la madre muore appena vede il cadavere

Come riporta La Sicilia, secondo i sanitari del 118, infatti, la salma del cinquantaduenne era fredda, mentre quella della madre, era più calda, chiaro segno che la morte della donna, pensionata 83enne, è avvenuta dopo quella del figlio. Per questo motivo l’ipotesi accreditata è che il cuore dell’anziana non abbia retto al dolore alla vista del figlio suicida.

Favara suicida madre morta vede cadavere

A Favara, subito dopo la scoperta delle salme, si era sparsa la voce di un omicidio-suicidio, ma come secondo quanto è stato accertato anche dai carabinieri si tratterebbe invece di un suicidio e della morte, per infarto, dell’anziana madre, che alla vista del figlio non avrebbe retto. I corpi dell’uomo e della donna sono stati trovati nell’appartamento dove vivevano dall’altro figlio della donna che ha lanciato l’allarme.

Nella stessa giornata, questa volta a Palermo, un uomo è stato trovato riverso per terra con una corda attaccata al collo e una estremità legata ad una ringhiera. A chiamare i soccorsi è stato un vigilante della Ksm. L’uomo non aveva documenti addosso ma è stato identificato. Si tratta di un cittadino del Bangladesh di 40 anni. Sul caso indaga la polizia.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.