Crisi Ucraina, è stato abbattuto da missili britannici un elicottero russo: ecco cosa è successo (VIDEO)

L’ELICOTTERO RUSSO MI-28N È STATO ABBATTUTO NELLE SCORSE ORE DALL’ANTIAEREA UCRAINA GRAZIE A UNA NUOVA ARMA TECNOLOGICA PROVENIENTE DALLA GRAN BRETAGNA: L’IRA DELLA RUSSIA, COSA SUCCEDE

Tensione altissima in Ucraina alla luce degli ultimi sviluppi: un elicottero russo, come riportato da SkyTg24, è stato abbattuto nella città di Holubivka dai missili della difesa antiaerea ucraina, scatenando l’ira di Mosca. A generare la grande arrabbiatura del Paese ex sovietico è stato il fatto che il velivolo Mi-28N è stato colpito con missili britannici… un episodio che rischia di incrinare ancor di più il rapporto tra la NATO e la Russia, già a un passo dalla compromissione per quanto sta accadendo da oltre un mese a Kiev, Mariupol, Odessa e nelle altre località ucraine. IL NUOVO PIANO DELLA RUSSIA IN UCRAINA

COSA È SUCCESSO

La Russia prosegue i suoi bombardamenti e attacchi all’Ucraina che però sta dimostrando di sapersi difendere molto bene, al punto da abbattere (nelle scorse ore) un elicottero nemico facendolo esplodere in due pezzi. L’arma utilizzata per questo contrattacco è costituita dal missile antiaereo del sistema Starstreak, di fabbricazione britannica e che evidentemente è stato consegnato dal Regno Unito all’Ucraina per affrontare le offensive russe. Si tratta di un sistema missilistico a guida laser molto avanzato, progettato per abbattere aerei o velivoli a bassa quota e in grado di sparare proiettili a oltre 2000 miglia all’ora. Il punto però non è strettamente l’abbattimento dell’elicottero, quanto il fatto che questo sia avvenuto per mezzo di armi “non ucraine”… LA MINACCIA DELLA RUSSIA A EUROPA E STATI UNITI: “VENDEREMO GRANO SOLO AI NOSTRI AMICI”

LA MINACCIOSA REPLICA DELLA RUSSIA

Sebbene la Russia fosse già a conoscenza del fatto che la NATO avesse “rifornito” l’Ucraina di armi e munizioni, l’abbattimento di quest’elicottero potrebbe essere un episodio potenzialmente importante per il futuro della guerra e dei rapporti tra Occidente e Oriente. Andrey Kelin, ambasciatore russo a Londra, ha risposto in modo energico all’attacco: “Tutte le forniture di armi sono destabilizzanti – ha dichiarato – e aggravano la situazione, rendendola ancora più sanguinosa. Apparentemente quelle di cui parliamo in questo caso specifico sono armi nuove e di alta precisione. Naturalmente, le nostre forze armate li considereranno un obiettivo legittimo se quei rifornimenti attraversano il confine ucraino“. In poche parole, se i russi dovessero avvistare e intercettare carichi di armi diretti dall’Europa all’Ucraina non esiteranno ad attaccarli per distruggere l’arsenale. PUTIN STA MALE? LE INDISCREZIONI SUL PREMIER RUSSO

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.