“Come mi hanno ridotta”. 22enne aggredita da due cani, il volto deturpato da 800 morsi

Jacqueline Durand, 22enne del Texas, è stata aggredita da due cani, un pastore tedesco e un pitbull, e oggi la sua vita è totalmente cambiata. Oltre 800 morsi le hanno dilaniato il volto e dopo sette settimane in ospedale ha deciso di mostrarsi e raccontare la sua terribile esperienza.

Lo ha fatto sul canale CBS Mornings, spiegando anche di aver fatto causa ai padroni dei due cani che l’avevano assunta come dog sitter per il periodo di Natale. L’aggressione è avvenuta il 23 dicembre in una villa di Coppell, nelle contee di Dallas e Denton, nello Stato del Texas.

Jacqueline Durand dog sitter aggressione cani

Jacqueline Durand è stata aggredita quando è entrata in casa e ha riportato molteplici ferite come la perdita delle orecchie, le labbra, il naso e la maggior parte del viso. “Penso che sia ora di mostrare chi sono ora, e non posso averne paura”, ha detto la 22enne mostrando per la prima volta il suo volto deturpato da oltre 800 morsi.

Jacqueline Durand dog sitter aggressione cani

Immediato il ricovero all’ospedale, dove un’equipe medica si è occupata della ricostruzione del volto della ragazza. La 22enne ha avuto un innesto della pelle dalle natiche e dalla fronte per ricostruire parte del volto e dopo due mesi di ricovero è finalmente dimessa dall’ospedale accompagnata dagli applausi dei suoi medici e infermieri.

Quando è arrivata a casa, Durand ha ricevuto anche un caloroso benvenuto dalle forze dell’ordine e dai membri della famiglia. Nonostante l’orribile prova che ha subito, Durand ha rivelato di voler essere considerata un esempio invece di essere vista come una vittima. “Jacqueline, sei stata nei nostri pensieri e nelle nostre preghiere e ti siamo così grati che tu sia tornata a casa. Sei una guerriera e un’ispirazione per tutti noi”, si legge sul post della polizia locale.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.