SASSARI, PRECIPITA DA UN PARAPETTO ALTO 13 METRI E MUORE

Una terribile tragedia ha scosso in queste ore la Sardegna e l’Italia intera. Carla Lallai, una giovane artista di 29 anni, è infatti deceduta dopo essere caduta da un parapetto alto 13 metri. Il dramma s’è verificato nella zona industriale Predda Niedda di Sassari, all’interno di un capannone dove si è tenuta una festa notturna. La 29enne, forse stanca dopo una notte passata a festeggiare, si è stesa si uno dei parapetti per riposare, ma evidentemente non ha tenuto conto del pericolo.

Carla all’improvviso è precipitata di sotto. Tredici metri d’altezza, quindi, che non le hanno lasciato scampo. Per lei non vi è stato nulla da fare, alcuni amici l’hanno trovata di sotto, ormai senza vita. I soccorsi sono partiti immediatamente, ma i sanitari al loro arrivo non hanno potuto far altro che constatarne l’avvenuto decesso. I media locali e nazionali hanno parlato di un rave party che si stava tenendo nella struttura, ma gli amici della giovane smentiscono questa notizia.

IL DRAMMA
“Non era un rave ma un raduno di amici”– così ha spiegato uno dei partecipanti alla festa, che non ci sta a classificare l’evento come un rave party. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Sassari, che hanno effettuato gli accertamenti del caso e ascoltato i presenti. Pare nessuno abbia visto il momento della tragedia.

Per i militari dell’Arma si è trattato di una tragica fatalità. Dell’accaduto è stata avvisata la locale Procura della Repubblica, che ha disposto l’autopsia sul cadavere della giovane Carla Lallai. Tutti la ricordano come una ragazza solare e piena di vita. “Non sono stanziale e mi piace girovagare da un posto all’altro” – così diceva Carla.

La giovane ha studiato al liceo di Senorbì ed era nata a Muravera, in provincia di Cagliari. Amava molto la spiritualità orientale, dalla quale era affascinata. Era nota anche come una brava artista, in quanto creava svariati oggetti di artigianato, come delle maschere e anche opere d’arte più complesse, come murales e pannelli.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.