Guerra in Ucraina, Zelensky: “Siamo qui. Siamo a Kiev. Difendiamo l’Ucraina”

Guerra in Ucraina: il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha diramato un video in cui si mostra insieme ad alcuni membri del Governo ribadendo la decisione di non abbandonare il Paese nonostante l’avanzata russa verso Kiev.

Guerra in Ucraina, Zelensky: “Siamo qui. Siamo a Kiev. Difendiamo l’Ucraina”
Nel tardo pomeriggio di venerdì 25 febbraio, nel secondo giorno di guerra in Ucraina, il presidente Volodymyr Zelensky ha condiviso un video online. La clip mostra il presidente insieme ad altri membri del Governo ed è stata realizzata per ribadire la volontà dei politici ucraini di non abbandonare il Paese nonostante l’avanzata russa verso la capitale.

Zelensky, infatti, determinato a condividere con la Nazione la sua ora più buia, ha dichiarato: “qui.

Siamo a Kiev. Difendiamo l’Ucraina”.

Nel video, tutti i membri del Governo ucraino – tra i quali figurava, ad esempio, il primo ministro Denys Šmihal – indossavano una tuta mimetica.

Il filmato, inoltre, è stato girato in uno spazio aperto, in una delle numerose strade della capitale che sembrano costeggiare il palazzo che abitualmente ospita il Governo ucraino.

https://www.facebook.com/plugins/video.php?height=316&href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2FDRN0895%2Fvideos%2F361593869086050%2F&show_text=false&width=560&t=0

Guerra in Ucraina, Italia: Cdm delibera stato di emergenza per interventi di protezione civile all’estero
In relazione alla crisi ucraina, in Italia, il Consiglio dei ministri ha deliberato lo stato di emergenza per interventi di protezione civile all’estero provocato dagli accadimenti in atto in Ucraina per tre mesi su suggerimento del premier Mario Draghi. inoltre, il Cdm ha anche approvato la possibilità di riassegnare fino a 2.000 soldati italiani alla NATO al fine di rafforzare le difese militari dell’organizzazione nei territori dell’Est Europa.

Borse europee in ascesa dopo il crollo del giovedì nero
Intanto, dopo il crollo delle Borse europee dopo la sconvolgente notizia relativa all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, cominciano a essere registrati segni di ripresa. A rendere possibile il trend in rialzo, soprattutto le aperture del Cremlino che ha accettato di inviare una delegazione a Minsk per avviare i negoziati sull’Ucraina.

Per quanto riguarda le Borse europee, Milano ha chiuso con un indice Ftse Mib a + 3.59%; Londra con +3,9%; Parigicon + 3,55% e Francoforte con 3,67%. Anche la Borsa di Mosca è in recupero: dopo aver perso oltre il 33% nella giornata di giovedì 24 febbraio, a distanza di 24 ore è riuscita a riguadagnare il 20,04%.

Russia estromessa dal Consiglio d’Europa, Di Maio: “Misura necessaria”
Il ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio, ha comunicato la decisione del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa di estromettere la Russia dell’organizzazione.

Il ministro Di Maio, infatti, ha riportato quanto segue: “Il Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa, di cui l’Italia ha la presidenza, ha preso la decisione di estromettere dalla propria membership la Federazione Russa“.

Inoltre, è stato specificato che l’espulsione di Mosca dal Consiglio d’Europa è stata stabilita “ai sensi dell’articolo 8 dello Statuto del Consiglio d’Europa”.

Di Maio, poi, ha anche sottolineato: “L’Italia ritiene che si tratti di una misura necessaria alla luce dell’inaccettabile aggressione militare russa ai danni del diritto internazionale”.

Guerra in Ucraina, Kuleba: “Italia ha garantito supporto per l’espulsione della Russia dallo Swift”
Nel pomeriggio di venerdì 25 febbraio, il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, ha annunciato di aver sentito il ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio, e di aver ricevuto il supporto dell’Italia rispetto all’esclusione della Russia dallo Swift.

In particolare, il ministro Kuleba ha riferito: “Telefonata con la mia controparte italiana Luigi Di Maio. Piena solidarietà verso l’Ucraina. Il mio collega mi ha assicurato che l’Italia supporterà l’espulsione della Russia dallo Swift”.

Sanzioni Russia, nota di Palazzo Chigi: “Posizione italiana allineata a quella dell’UE”
In merito alle sanzioni emanate contro la Russia e al bando dallo Swift, Palazzo Chigi ha diramato una nota con la quale ha confutato quanto trapelato nella giornata di giovedì 24. Durante la riunione tra i leader europei, l’Italia era stata accusata di aver chiesto sanzioni più leggere per Mosca.

La nota di Palazzo Chigi, quindi, riporta quanto segue: “Non vi è alcuna richiesta di eccezione sulle sanzioni da parte dell’Italia. La posizione italiana è allineata a quella dell’UE”.

Cremlino: “Ingresso Finlandia nella NATO? Gravi conseguenze militari”
Mosca ha posto il veto sull’ipotesi paventata dalla Finlandia di entrare a far parte della NATO. In merito al possibile ingresso della Nazione nella Nato, infatti, il ministro degli Affari Esteri russo, Maria Zakharova, ha postato un messaggio sul suo account Teitter.

Nello specifico, il tweet del ministro Zakharova riporta il seguente messaggio: “Consideriamo l’impegno del governo finlandese in una politica di non allineamento militare come un fattore importante per garantire sicurezza e stabilità nell’Europa settentrionale – e ha sottolineato–. L’ingresso della Finlandia nella NATO avrebbe gravi ripercussioni militari e politiche”.https://platform.twitter.com/embed/Tweet.html?dnt=false&embedId=twitter-widget-0&features=eyJ0ZndfZXhwZXJpbWVudHNfY29va2llX2V4cGlyYXRpb24iOnsiYnVja2V0IjoxMjA5NjAwLCJ2ZXJzaW9uIjpudWxsfSwidGZ3X2hvcml6b25fdHdlZXRfZW1iZWRfOTU1NSI6eyJidWNrZXQiOiJodGUiLCJ2ZXJzaW9uIjpudWxsfSwidGZ3X3NwYWNlX2NhcmQiOnsiYnVja2V0Ijoib2ZmIiwidmVyc2lvbiI6bnVsbH19&frame=false&hideCard=false&hideThread=false&id=1497234734765780997&lang=it&origin=https%3A%2F%2Fwww.tg24-ore.com%2Fguerra-in-ucraina-zelensky-siamo-qui-siamo-a-kiev-difendiamo-lucraina%2F&sessionId=bc0f122167bab0d05c7c1782cd24648972738ca1&theme=light&widgetsVersion=2582c61%3A1645036219416&width=550px

Guerra in Ucraina, NATO: “Russia pagherà un prezzo severo per il terribile errore di Putin”
Al termine del vertice della NATO tenuto nella giornata di venerdì 25 febbraio, è stato rilasciato un comunicato ufficialeattraverso il quale l’organizzazione ha confermato l’indignazione verso l’operato di Vladimir Putin, descrivendo le sue azioni come “un terribile errore”. Nel comunicato, viene ribadito anche che la Russia sarà costretta a pagare “un prezzo severo sia economico che politico” per il conflitto armato innescato in Ucraina. L’Alleanza, poi, ha condannato “nei termini più decisi possibili” l’invasione del Paese attuata da Mosca e resa possibile grazie alla collaborazione della Bielorussia. Pertanto, la NATO ha sollecitato il Cremlino a “cessare immediatamente il suo assalto militare, a ritirare tutte le sue forze dall’Ucraina e di fare marcia indietro sulla strada dell’aggressione che ha scelto”.

Nel comunicato dell’organizzazione, inoltre, è possibile leggere quanto segue: “L’attacco pianificato da tempo è brutale e completamente non provocato e ingiustificato. È stata colpita fondamentalmente la pace in Europa. Il mondo chiamerà la Russia e la Bielorussia a rispondere delle loro azioni. La Russia porta la piena responsabilità di questo conflitto che rappresenta, da parte di Putin, un terribile errore strategico per cui la Russia pagherà un prezzo severo sia economico che politico per gli anni a venire”.

Ribadendo la propria solidarietà all’Ucraina e garantendo al Paese sostegno politico e pratico, infine, la NATO ha dichiarato: “La pace nel continente europeo è stata scossa alle sue fondamenta. Il mondo riterrà la Russia, così come la Bielorussia, responsabili delle loro azioni. Chiediamo a tutti gli stati di condannare senza riserve questo attacco senza senso. Nessuno dovrebbe farsi ingannare dalla raffica di bugie del Governo russo“.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.