Torino, è morta la bimba di 3 anni precipitata dal quarto piano: fermato il compagno della madre

Non ce l’ha fatta la piccola Fatima, la bimba di 3 anni che nella serata di giovedì 13 gennaio, è precipitata dalla finestra della sua abitazione al quarto piano. Tuttavia, nelle ultime ore gli inquirenti hanno deciso di fermare il compagno della madre. Ancora non si sa bene quale sia il motivo.

bimba 3 anni morta

Una morte tragica ed improvvisa che ha scosso moltissime persone. Le forze dell’ordine ora stanno indagando su questa terribile vicenda.

Il dramma si è consumato intorno alle 21.45 di giovedì 13 gennaio. Precisamente in un palazzo che si trova in Via Milano 18, a Torino.

La prima a chiedere l’intervento dei sanitari, è stata proprio una donna che ha un’attività commerciale in quella zona. Purtroppo ha visto la piccola a terra, esanime, che era precipitata da un’altezza di circa 12 metri. I vicini nel frattempo, si sono affacciati.

bimba 3 anni morta

I sanitari intervenuti si sono presto resi conto che le condizioni della bambina erano disperate. Con la speranza di poterla salvare l’hanno trasportata d’urgenza all’ospedale Regina Margherita, dove nella notte, è stata sottoposta ad un delicato intervento alla testa per un trauma cranico.

Tuttavia, nonostante i tentativi dei sanitari, nella mattinata di venerdì 14 gennaio, poche ore dopo, è arrivata la tragedia. Il cuore della piccola Fatima ha cessato di battere per sempre, poiché la sua situazione era davvero disperata.

Le indagini per la morte della bimba di 3 anni

Nell’abitazione in via Milano sono arrivate anche le forze dell’ordine, che hanno posto ad interrogatorio entrambi i genitori. Da ciò che è emerso i due erano in due case diverse.

La bambina era nella abitazione con il compagno della madre, un ragazzo di origini marocchine di 23 anni, che era in evidente stato di ubriachezza.

bimba 3 anni morta

È proprio nelle ultime ore che è arrivato il nuovo aggiornamento. L’uomo che era nella casa con la piccola, è stato fermato. Tuttavia gli inquirenti non hanno ancora reso noto il motivo. Questa persona nella giornata di giovedì ha ricevuto anche una condanna ad otto mesi per il possesso di un’ingente quantità di hashish.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.