Variante Omicron, per quanto tempo si rimane contagiosi? Ecco quanto dura l’incubazione

Loading...

La variante Omicron continua a preoccupare l’Italia. L’impennata dei casi è innegabile e per questo il Governo è corso immediatamente ai ripari prima di portare gli Ospedali di nuovo al collasso. Con l’ultimo decreto Draghi, novità importanti sono state approvate in merito a quarantena e isolamento in caso di positività al virus. Una domanda in questo periodo sorge spontanea: “Quanto tempo dura l’incubazione con la variante Omicron?” La risposta a questo quesito arriva dagli Stati Uniti. (Continua a leggere dopo la foto)

Loading...

Variante Omicron, per quanto tempo si è contagiosi? Ecco quanto dura l’incubazione

Nuovi studi sulla variante Omicron arrivano direttamente dagli Stati Uniti. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno scoperto quanto tempo dura l’incubazione di questa nuova variante del Covid-19. Stando a quanto emerso, come riportano i CDC, “la maggior parte della trasmissione di SARS-CoV-2 si verifica all’inizio del corso della malattia, generalmente nei 1-2 giorni prima dell’insorgenza dei sintomi e nei 2-3 giorni successivi”. Questi cinque giorni, dunque, corrispondono al periodo in cui si rimane contagiosi. Seguendo le linee guida di scienziati e medici, anche l’Italia ha tenuto conto delle nuove informazioni emerse in merito alla contagiosità di vaccinati e non vaccinati, rivedendo le regole di isolamento. Ecco cosa cambia in Italia per quanto riguarda la quarantena. (Continua a leggere dopo la foto)

allarme terza dose

Le nuove regole per la quarantena

In queste ultime ore, il Governo Draghi ha varato delle nuove regole per la quarantena. Dopo contatto con un positivo si deve agire in tre modi diversi: i non vaccinati, per i quali continueranno a vigere le attuali regole (quarantena di 10 giorni); persone in possesso del Green Pass rafforzato da oltre 120 giorni, per le quali la quarantena si ridurrà a 5 giorni e alle quali, al termine di questo periodo, sarà richiesto un tampone con esito negativo; persone con dose booster o con Green Pass rafforzato da meno di 120 giorni, per le quali non sarà più prevista la quarantena ma una forma di auto-sorveglianza (senza sintomi) e, al quinto giorno dal contatto con il caso positivo Covid-19, l’effettuazione di un tampone con esito negativo.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.