Tir si schianta al casello autostradale: ci sono decine di morti

Loading...

L’incidente è avvenuto a un casello all’altezza della città di Chalco, su un’autostrada che collega Puebla a Città del Messico. Strage sull’autostrada che collega Città del Messico a Puebla, in Messico, dove un tir si è schiantato contro un casello autostradale.

L‘incidente è avvenuto in piena mattinata di sabato (6 novembre) all’altezza della città di Chalco. Stando alle ultime dichiarazioni delle autorità locali, il bollettino conta finora 19 vittime e almeno 3 feriti.

Loading...

L’informazione collima con i principali notiziari messicani, le cui fonti riportano: “un incidente stradale a Puebla (al centro), sull’autostrada verso Città del Messico, ha causato 19 morti questo sabato dopo che un camion ha perso il controllo e un liquido infiammabile ha causato un incendio, hanno riferito le autorità.

La strage è avvenuta intorno alle 12:45 (18:45 GMT), al chilometro 33 dell’autostrada México-Puebla, vicino al casello numero sette. Secondo quanto riferito dal portavoce dei vigili del fuoco, un camion ha urtato una fila di sei veicoli prima di schiantarsi contro un casello autostradale Stando alle prime ricostruzioni, i freni dell’autocarro si sono rotti;

di conseguenza, il conducente ha perso il controllo del veicolo innescando un’enorme incendio sull’autostrada che collega Puebla alla capitale del Messico. Il bilancio delle vittime si ferma a 19 morti, tra questi anche il proprietario del camion, e 3 feriti: lo ha riferito il servizio statale Caminos y Puentes Federales de Ingresos y Servicios Conexos (Capufe).

Attraverso un comunicato su Twitter. L’ufficio del procuratore generale dello Stato del Messico (FGJEM) ha informato i media locali che al momento dell’incidente sarebbero stati versati a terra fusti di oltre 200 litri di liquido bianco infiammabile. Secondo le testimonianze dei lavoratori e dei residenti locali, questo è il quarto incidente registrato nel mese di novembre. Fonte: El Periodico

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.