Vince 37 milioni di euro alla lotteria: la drastica decisione

Loading...

Ha sconvolto la Gran Bretagna la storia di Margaret Loughrey, trovata morta in casa a soli 56 anni. La donna, residente a Belfast nel Nord Irlanda, si sarebbe tolta la vita. Era diventata famosa per aver vinto 27 milioni di sterline (l’equivalente di 37 milioni di euro) alla lotteria 8 anni fa.

Nonostante la clamorosa fortuna, aveva scelto di continuare a vivere nella stessa, umile dimora e anzi aveva sempre considerato quel colpo di buona sorte la rovina della sua vita. La donna aveva comprato il biglietto vincente tornando a piedi dall’ufficio di collocamento in cui era andata a chiedere lavoro.

Loading...

Già questo, di per sé, rendeva la notizia una favola moderna. Margaret viveva con soli 48 sterline di sussidio alla settimana. Grazie a quella “schedina”, non aveva guadagnato solo una vecchiaia più che serena, sulla carta, ma anche decine di interviste e prime pagine su tg e tabloid nazionali. Venne subito soprannominata “Maggie Millions”, non senza una punta di invidia.

Consapevole della fortuna che l’aveva investita, la Loughrey aveva subito donato metà di quel montepremi ad associazioni di beneficenza, e poi aveva investito il resto di quei soldi per acquistare un bungalow, un pub e un ex mulino, con l’intenzione di trasformarlo in centro ricreativo. Insomma, tutto il contrario della povera divenuta ricca e avida.

Una storia però senza lieto fine, per sua stessa ammissione: “Se c’è un inferno, ci sono stata. Mi pento di aver vinto alla lotteria – aveva confessato, nello stupore generale -. Ero una persona felice prima ma la vincita ha distrutto la mia vita“.

Di quei 27 milioni le erano rimasti ancora 5 da spendere, molto più dei soldi che una persona media può dire di guadagnare in un’intera esistenza. Eppure, l’agiatezza economica ha pesato come una spada di Damocle su Margaret, che non aveva né marito né figli. Una solitudine che l’ha portata ad avere problemi di dipendenza dall’alcol, acuita dalla fama e dai soldi piovuti in testa nel 2013. 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.