Forte scossa di terremoto questa mattina in Italia: tempestato il centralino dei vigili del fuoco

Loading...

Una forte scossa di terremoto è stata registrata alle 6,14 di questa mattina a Palermo. Secondo il dato definitivo diffuso dall’Istituto di geofisica e vulcanologia, il sisma ha avuto una magnitudo di 4.3.

La scossa, con epicentro in mare tra Termini Imerese e Cefalù e a una profondità di 6 km, è stata avvertita distintamente soprattutto ai piani alti e nella parte orientale della provincia e sulle Madonie. Altre due scosse di minore intensità sono state invece registrate pochi minuti dopo alle 6,23 e alle 6,39 di magnitudo 2 e 2.2.  Tanta la paura ma nessuna segnalazione di danni nei comuni della provincia.

Loading...

Sia la protezione civile che i vigili del fuoco, come comunicano le sale operative, hanno eseguito una prima ricognizione nei comuni delle Madonie più vicini all’epicentro. Secondo le prime informazioni non ci sarebbero danni a cose e persone, anche se il sisma è stato avvertito distintamente dalla popolazione.

In particolare il centralino dei vigili del fuoco è stato tempestato dalle telefonate di persone che chiedevano informazioni. Centinaia anche le segnalazioni e le testimonianze su twitter dopo il post pubblicato dall’Ingv con la notizia del terremoto.

Ad avvertirlo è stata soprattutto la popolazione dell’area attorno a Cefalù, a Campofelice di Roccella, Lascari e Gratteri. Ma segnalazioni sono arrivate da diversi centri delle Madonie (Isnello, Pollina e Castelbuono) e dai paesi vicini come Tusa sul versante orientale e Termini Imerese su quello occidentale.

L’evento sismico ha agitato il risveglio di molti turisti che si sono riversati nelle hall delle strutture alberghiere di Cefalù. Tutti sono poi rientrati tranquillamente nelle camere. “In camera da letto ho sentito l’armadio ballare”, dice il sindaco di Cefalù Rosario Lapunzina, che dopo alcune telefonate di controllo si è rassicurato. Tanta paura quindi ma nessun danno.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.