Eva Henger si accascia tra le braccia della figlia, ricoverata d’urgenza in ospedale: le sue condizioni

Loading...

Eva Henger fa spaventare i fan. Ora è finita all’ospedale Sandro Pertini di Roma, in codice rosso. A quanto pare l’attrice ungherese si è sentita male davanti alla figlia di 12 anni, Jennifer (nata dal matrimonio con marito Massimiliano Caroletti).

Ci pensa il settimanale Oggi a raccontare l’episodio in un’intervista che rilascia proprio la Henger. Si è trattato di un attacco di ansia e panico potente. Eva si è accasciata al suolo ed ha perso i sensi. Immediatamente è stata soccorsa e trasportata in ospedale.

Loading...

Credevo di morire, ho pensato seriamente che non avrei più rivisto mia figlia: ho temuto per la sua sorte. Ho vissuto lo sconforto, la pena, l’angoscia dell’attimo in cui ti senti che te ne stai andando; è stato terribile”, dice al settimanale diretto da Umberto Brindani.

Gli attacchi di panico nella vita di Eva sono iniziati 20 anni fa quando Riccardo Schicchi si ammalò prima di morire. Un vero strascico che ha lasciato il segno: prima la claustrofobia, quindi la paura per i posti chiusi come ascensori e gallerie, poi il panico. “Prima di salire in auto prendevo mezzo Lexotan”, racconta nella lunga intervista.

Ma dov’è Mercedesz, la figlia di Eva? “Purtroppo non c’è rapporto. Non mi ha cercato. Ma io ci sono sempre e ci sarò sempre per lei”, racconta la Henger. Tra mamma e figlia i rapporti si sono incrinati da tempo. Eva fu protagonista in tv di una lite con Lucas Peracchi, ex di Eva, che ha dovuto incassare accuse durissime (senza alcun tipo di fondamento).

Il personal trainer, però, si è difeso. Ora la sua storia con Mercedesz è finita all’improvviso. E tra Eva e sua figlia i rapporti sembrano essere ancora burrascosi. “Le cose che ho detto su Lucas, io le ho sentite da lei. Forse ho sbagliato a renderle pubbliche e di questo mi scuso”, conclude. Ma anche di tutto questo non ci sarebbero prove. 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.