Christian Eriksen, è appena arrivata la conferma: il comunicato della Uefa

Loading...

È facile fare retorica sul capitano vero, sull’eroe, sull’uomo che potrebbe aver salvato Christian Eriksen. Ma questo e molto altro è stato Simon Kjaer, che ha avuto una lucidità non comune mentre il suo compagno di squadra stava seriamente rischiando di morire, a causa di un probabile arresto cardiaco.

Proprio mentre ci si avviava alla conclusione del primo tempo di Danimarca-Finlandia, match valido per Euro 2020, Eriksen si è accasciato al suolo e ha perso i sensi: il suo capitano ha subito realizzato la gravità della situazione. 

Loading...

E prima ancora che i medici attraversassero il campo per occuparsi del caso, Kjaer ha compiuto una serie di azioni che potrebbero essere state decisive: ha evitato il soffocamento del compagno e gli ha prestato i primi soccorsi, dopodiché ha riunito tutti i danesi affinché facessero da scudo a Eriksen, in modo da difendere la sua privacy in quegli attimi terribili.

Poi Kjaer è stato uno dei pochi ad avere il coraggio di guardare il compagno mentre veniva soccorso, e infine è corso dalla moglie di Christian che aveva avuto il permesso di scendere in campo. 

Attimi drammatici, gestiti da grande uomo prima ancora che da capitano: gli omaggi in queste ore si sprecano per lui sui social, e sono tutti assolutamente meritati. In tutto ciò Eriksen pare sia fuori pericolo: “È sveglio, respira e riesce a parlare”, ha fatto sapere il suo agente.

Poi è arrivato il comunicato della federazione danese, che ha svelato come sia stato proprio Christian a chiedere ai compagni di tornare in campo per concludere la partita. Il calciatore verrà sottoposto a tutti gli accertamenti del caso. A sugello del dramma vissuto nel pomeriggio anche il comunicato della Uefa: “Christian Eriksen è fuori pericolo”. Si attendo i prossimi aggiornamenti ma, pare, che il peggio sia passato in quanto il campione ha rischiato seriamente di perdere la vita. Forza Chris, please!

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.