“Querela per Fedez”. La decisione ufficiale contro il cantante, la situazione si complica

Loading...

Abbiamo assistito a bocca aperta a tutto il percorso di Fedez post esibizione del 1 Maggio. Ebbene, ora la Rai ha deciso di far partire la querela per diffamazione e danno di immagine. Come anticipato, il caso risale al Concerto del Primo Maggio trasmesso su Rai Tre con relativa bufera di critiche e polemiche accompagnate da accuse di censura.

È stato proprio Fedez, per mezzo social, Instagram, a denunciare il caso di presunta censura messa in atto dalla Rai, e lo ha fatto pubblicando una telefonata registrata in cui parla con gli organizzatori del concerto e con la vicedirettrice di Rai Tre, Ilaria Capitani. Poi pochi giorni dopo quell’accaduto, il direttore di Rai Tre, Franco Di Mare, ha respinto le accuse di Fedez accusandolo di “manipolazione dei fatti”.

Loading...

Accade proprio oggi, dopo due settimane dall’accaduto al Concerto del Primo Maggio, che TvBlog ha resocontato nero su bianco: “La Rai querela Fedez per diffamazione e danno d’immagine”, aggiungendo, “la Rai avrebbe dato mandato al suo ufficio legale di avviare querela contro Fedez per diffamazione aggravata e per grave danno d’immagine a seguito delle vicende di cui sopra”. Ma non è finita qui.

“La querela, secondo le indiscrezioni che abbiamo raccolto, dovrebbe essere depositata nei prossimi giorni. Per altro, proprio durante l’audizione in Commissione di Vigilanza è stato consigliato più volte al direttore della terza rete di procedere a querela a seguito delle sue affermazioni sulla ‘manipolazione’ operata dallo stesso Fedez alla registrazione telefonica, la prima pubblicata dal cantautore lombardo”.

“Ma su quello, come detto dallo stesso dirigente in quella sede, doveva essere la Rai a decidere di procedere e stando a quanto apprendiamo la decisione da parte dell’azienda radiotelevisiva pubblica sarebbe arrivata proprio in queste ultime ore. Il caso Fedez-Rai dunque si arricchisce di nuovi tasselli e sembra davvero molto lontano dall’essere considerato chiuso“.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.