Denise Pipitone, la rivelazione in diretta tv: “Presa da Jessica, poi..”

Loading...

Denise Pipitone, sul caso se ne è parlato questa mattina, martedì 18 maggio 2021, su Canale 5, nel corso del programma Mattino 5. In collegamento anche l’ex procuratore di Marsala Alberto Di Pisa. Fra le altre cose Di Pisa ha ricostruito che cosa è successo, secondo la procura e secondo le sue convinzioni personali, alla bambina scomparsa da Mazara del vallo il primo settembre 2004 quando aveva 4 anni.

“I fatti specifici sono due, concreti. E da quelli bisogna partire”, dice Di Pisa a Federica Panicucci. . Intanto partiamo dalla famosa intercettazione che ha luogo al commissariato di pubblica sicurezza di Mazara del Vallo fra Anna Corona e la figlia Jessica la quale dice alla madre “a casa l’ho portata” e questo induce a ritenere che l’abbia prelevata e l’abbia portata a casa di qualcuno che non è stato possibile identificare.

Loading...

E’ poi verosimile che questo qualcuno l’abbia a sua volta consegnata ad altri soggetti e quindi con un’ulteriore passaggio la bambina sia stata consegnata a mio avviso a un accampamento di zingari rom che in quel momento si trovavano a Mazara del Vallo e che si allontanano immediatamente dopo il rapimento”.

Di Pisa a questo punto si ricollega alla foto di Milano. “Dico questo e mi ricollego a un fatto concreto specifico e cioè la foto scattata a Milano dal metronotte che raffigura una bambina insieme a una rom.

Ebbene, quella bambina secondo me al 90 per cento è Denise. E lo dico per due motivi. Primo perché Denise aveva una cicatrice, un taglio, un graffio su una guancia, cicatrice riscontrata anche in quella foto.

In secondo luogo perché la bambina parla con un accento tipico di Mazara del Vallo quando dice “dove mi stai portando” e anche il nome Danas (così viene chiamata la bambina ndr) che in rom equivale a Denise.” Sono questi i fatti su cui ripartire per arrivare alla piccola, secondo l’ex procuratore.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.