Denise Pipitone, il durissimo sfogo di Piera Maggio: il motivo è molto serio

Loading...

Nuovo capitolo del caso Denise Pipitone, la bambina scomparsa a Mazara del Vallo nel 2004. Questa volta al centro delle polemiche c’è l’attenzione mediatica che si è riaccesa sul caso negli ultimi tempi. Scontro a distanza tra il giornalista Carmelo Abbate da una parte e Piera Maggio e l’avvocato Giacomo Frazzitta dall’altra.

Tutto è iniziato da un tweet di Carmelo Abbate: “Ci mancava solo il vescovo, il quale non ha niente di meglio da fare – ha scritto il giornalista -. Anna Corona e Jessica Pulizzi sono vittime di tortura mediatica, alimentata ad arte e consumata per ragioni di share e like. Fermatevi fino a quando siete in tempo o qualcuno si farà del male“.

Le parole di Abbate si riferiscono ai recenti sviluppi che riguardano Anna Corona, con la botola scoperta nella casa dove abitava e la testimonianza della vicina di casa relativa all’ispezione delle forze dell’ordine. Immediata la replica via social dell’avvocato di Piera Maggio, Giacomo Frazzitta:

Loading...

“Ciò che mi è poco chiaro è chi dovrebbe farsi male? Cosa vuol dire? Questa minaccia è rivolta certamente verso Piera Maggio e coloro che lavorano per la verità, credo sia estremamente grave! Poiché è evidente che il male dovrebbe provenire solo da una parte ossia quelle persone che si sentono accusate”.

“Noi non stiamo accusando nessuno – ha aggiunto i legale della mamma di Denise – noi stiamo facendo indagini difensive e la procura le proprie indagini. Se le persone di cui parla questo signore possono farci del male, e lui lo sa, dovrebbe andare a riferirlo in procura e non lanciare messaggi pericolosi diretti ad istigare violenza”. Il commento di Piera Maggio: “Da vittime ci vogliono far passare per carnefici”.

L’ultimo commento sulla questione è arrivato da Piera Maggio, che sul suo profilo Facebook ha condiviso le foto di entrambi gli interventi, quello di Carmelo Abbate e Giacomo Frazzitta. “Ognuno è libero di scegliere da che parte stare, purché non vada a ledere la vita altrui, oltrepassando i limiti consentiti del rispetto“, ha scritto la mamma di Denise Pipitone. “Non vogliamo vendetta, tantomeno odio. Vogliamo soltanto verità e giustizia per Denise! Pare questo, qualcuno ancora non l’abbia compreso. Da vittime ci vorrebbero far passare per carnefici”.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.