Coronavirus, il bollettino del 28 febbraio: oltre 17mila contagi e 192 vittime. Salgono i ricoveri negli ospedali e il tasso di positività

Loading...

Oggi, domenica 28 febbraio, in Italia sono 17.455 i nuovi casi di positività al coronavirus. Le vittime nelle ultime 24 ore sono state 192. Sono 257.024 i test (molecolari e antigenici) effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, in calo rispetto ai 323.047 di ieri. Il tasso di positività è al 6,8%, in aumento rispetto al 5,8% di ieri. Si avvicinano così a quota tre milioni i casi di Covid in Italia: ad oggi sono 2.925.265, considerato l’ultimo incremento di 17.455 nuovi positivi, secondo i dati forniti dal ministero della Salute. 

Loading...

C’è un nuovo aumento degli attualmente positivi che oggi sono 10.401 in più (per un totale di 422.367 persone) mentre i guariti sono 6.847 (per un totale di 2.405.199). Sono invece 257.024 i test (molecolari e antigenici) effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, in calo rispetto ai 323.047 di ieri. Sono stati eseguiti meno tamponi, 257.024 contro i 323.047 della giornata di ieri. I ricoveri nelle terapie intensive sono 15 in più (ieri erano più 22) con 131 ingressi del giorno, e salgono a 2.231. I ricoveri ordinari crescono di 266 unità (ieri +80) e sono 18.638. 

Intanto da domani Lombardia, Piemonte e Marche in arancione. Sardegna prima regione bianca. Basilicata e Molise in rosso. Il Cts inoltre chiede di chiudere le scuole in zona con alta incidenza di contagi, per le altre protocolli invariati e didattica in presenza al 50% nelle superiori. Inoltre per accelerare sulla somministrazione di vaccini saranno coinvolti i 300 mila volontari della Protezione civile, l’obiettivo è di arrivare a 500/600 mila vaccini al giorno. Sono 4.222.695 le dosi somministrate in Italia su 5,8 milioni di dosi consegnate.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.