Milano: Area C sarà riattivata da mercoledì 24 febbraio, ma solo dalle 10 alle 19.30

Loading...

Area C, la congestion charge del centro storico di Milano, sarà riattivata a partire da mercoledì 24 febbraio, ma l’orario sarà diverso dal solito: le telecamere saranno attive dalle 10 alle 19.30 per non gravare sul trasporto pubblico nell’ora di punta del mattino. Lo ha deciso il Comune di Milano di concerto con la prefettura. Il provvedimento è valido dal lunedì al venerdì fino al 31 marzo 2021, data di conclusione delle msure ambientali; poi, se la pandemia Covid lo permetterà, si passerà agli orari usuali, comprese le prime ore della mattinata.

Le telecamere di Area C erano spente (insieme a quelle di Area B, che contiueranno ad esserlo) dal 5 novembre 2020, cioè da quando il governo istituì un lockdown “morbido” in seguito al riesplodere dei contagi da Covid. La decisione di lasciare libertà d’accesso al centro storico senza alcuna tariffa da pagare fino alle dieci di mattina è dovuta all’esigenza di non mettere ulteriormente sotto pressione i mezzi pubblici, già a rischio di saturazione. Lo stesso motivo per cui, da qualche mese, la città sta sperimentando orari differenziati di apertura di uffici e negozi, per evitare eccessivi assembramenti di prima mattina.

Loading...

D’altra parte il costante aumento del traffico di veicoli registrato nelle ultime settimane (+19% di ingressi di auto in città rispetto al periodo pre Covid, fa sapere il Comune) ha determinato un innalzamento dei livelli di polveri sottili (Pm2,5 e Pm10). “Per questo – si legge in una nota di Palazzo Marino – si ritiene necessario adottare provvedimenti di contenimento della congestione causata dai veicoli privati”.

L’invito: abbassare di un grado la temperatura

Non è tutto: il Comune invita anche (a partire da lunedì 22 febbraio) ad abbassare di un grado la teemperatura in abitazioni, negozi e luoghi di lavoro, considerando anche il previsto innalzamento della temperatura. Questo per evitare il superamento dei livelli di Pm10 e No2. 

“E’ nostra priorità – dichiara l’assessore alla mobilità Marco Granelli – mantenere sicuro il trasporto pubblico e consentire la scuola in presenza, tenere attive le attività economiche e di lavoro, prevenendo gli affollamenti e i rischi di contagio. Ma l’attenzione per la salute ci chiede di diminuire le emissioni inquinanti. Una doppia sfida che richiede misure urgenti che vadano subito in questo senso e che la gran parte delle città italiane sta già adottando. Abbiamo bisogno della condivisione e dell’alleanza di tutti, con scelte responsabili da parte delle istituzioni e comportamenti virtuosi da parte dei cittadini”.

Non tutti sono d’accordo. “Mentre Milano è alle prese con una difficile ripresa, Sala si fa tirare la giacca dagli ambientalisti. La reintroduzione di Area C per mercoledi 24 sarà totalmente inutile per l’aria, come attestano le rilevazioni durante il lockdown, pericolosa per i pendolari, dannosa per quel poco di commercio che sopravvive in centro”, dichiara Fabrizio De Pasquale, capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.